[hfcm id="2"]
skip to Main Content

Ddl codice rosso, raggiunta unanimità su Revenge porn

Dopo la bagarre della settimana scorsa, l’Aula ha approvato un emendamento sul revenge porn al Ddl codice rosso contro la violenza sulle donne

Con 461 sì e nessun voto contrario passa alla Camera l’emendamento sul revenge porn. Al disegno di legge ‘codice rosso’ viene dunque aggiunta la fattispecie di reato di revenge porn e sexting. Pena il carcere. Ecco i dettagli

COSA PREVEDE L’EMENDAMENTO

In base al testo approvato dalla Camera, chiunque invii, consegni, ceda, pubblichi o diffonda immagini o video di organi sessuali o a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone coinvolte, è punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5000 a 15000 euro.

PUNITA ANCHE LA DIFFUSIONE

La stessa pena si applica a chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o il video li invia, consegna, cede, pubblica o diffonde senza il consenso delle persone rappresentate al fine di recare loro nocumento.

LE AGGRAVANTI

La pena è aumentata se i fatti sono commessi del coniuge, anche separato o divorziato, o da una persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se i fatti sono commessi attraverso strumenti informatici o telematici.

La pena viene poi aumentata da un terzo alla metà se i fatti sono commessi in danno di persona in condizione di inferiorità fisica o psichica o in danno di una donna in stato di gravidanza.

REMISSIONE DELLA QUERELA SOLTANTO PROCESSUALE

Il delitto viene punito a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela è di sei mesi. La remissione della querela può essere soltanto processuale.

LA LEGA FA DIETROFRONT ALLA CASTRAZIONE CHIMICA

Infine, la Lega ha ritirato l’emendamento sulla castrazione chimica per chi compie violenze sessuali. Lo ha annunciato il ministro della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno questa mattina: “Il Movimento 5 Stelle non vuole condividere questa idea che la Lega porta avanti da tempo e siccome non vogliamo bloccare il Codice Rosso siamo quindi pronti a mettere da parte questa indicazione normativa”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore