skip to Main Content

Energia e auto, governo vara pacchetto da 8 miliardi senza extra-deficit

Draghi Energia

L’esecutivo interviene per frenare il caro energia, aiutare le famiglie, le aziende e anche gli enti locali. L’altro intervento riguarda invece il comparto dell’automotive

Alla fine lo scostamento di bilancio, chiesto a più riprese dalla quasi totalità dei partiti, non c’è stato. Mario Draghi, del resto, consapevole che di lì a breve dovrà chiedere all’Europa di cambiare le regole sul patto di stabilità, vuole arrivare a Bruxelles senza allargare ulteriormente la voragine del debito pubblico. E infatti il presidente del Consiglio sottolinea che l’intervento su energia e auto non produrrà extra-deficit: «Nessuno scostamento di bilancio per l’intervento sul caro bollette. In campo ci sono 8 miliardi». Le coperture, spiegherà dopo il titolare dell’Economia, Daniele Franco, derivano da sostegni non utilizzati e dai margini di manovra concessi sui conti pubblici dall’andamento dei conti del 2021 migliori rispetto alle attese.

«Interveniamo – ha detto Draghi – in maniera strutturale per aumentare la produzione di gas italiano e per velocizzare e semplificare l’installazione di impianti di energia rinnovabile» L’obiettivo del governo «è quello di rilanciare la crescita, una crescita sostenuta, equa e sostenibile ma bisogna anche affrontare il problema del mercato del lavoro e della precarietà». Due gli interventi d’urgenza oggetto del CdM di questo pomeriggio: misure urgenti per il contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale, per lo sviluppo delle energie rinnovabili e per il rilancio delle politiche industriali e per il contrasto alle frodi in materia edilizia e sull’elettricità prodotta da impianti da fonti rinnovabili. Insomma, energia, rilancio dell’automotive in vista della transizione energetica ed ecologica alla quale si accompagna la stretta alle frodi legate al Superbonus 110%.

ENERGIA, GLI INTERVENTI IN ARRIVO

Il provvedimento prevede l’azzeramento degli oneri di sistema sull’elettricità sia per le famiglie sia per le Pmi e le imprese più grandi e la riduzione dell’Iva sul gas oltre alla riduzione degli oneri sul gas per 480 milioni. A questi interventi si aggiunge il rafforzamento del bonus sociale per 500 milioni, credito di imposta per le imprese energivore per 700 milioni e per le imprese gasivore per circa 500 milioni. “L’intervento su famiglie e imprese supera i 5 miliardi e mezzo ma a questo si associano interventi volti a sostenere regioni e comuni nel gestire il problema del costo dell’energia”, ha detto il ministro Daniele Franco dopo il Cdm. Il governo mette sul piatto anche soldi per l’illuminazione pubblica dei Comuni e per aiutare le strutture sportive dilettantistiche e quelle sanitarie.

COSA C’È PER L’AUTOMOTIVE

Quanto all’auto, il governo ha istituito un nuovo fondo per la riconversione del comparto, che dovrà abbandonare le motorizzazioni endotermiche a favore di quelle EV e prevede, lato utenti, sconti per l’acquisto di auto elettriche, ibride e poco inquinanti. Si parla di un pacchetto da 800 milioni nel 2022 e 1 miliardo l’anno a regime, per sette anni. Non è stato ancora chiarito, invece, se il fondo per agevolare lo sviluppo e la produzione di semiconduttori farà parte di una misura ad hoc.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore