skip to Main Content

Gianni Murano è il nuovo presidente di Unem

Murano Unem

Succede a Claudio Spinaci: tutti i dettagli sulle decisioni arrivate in Assemblea per Unem

Cambio della guardia ai vertici di unem, l’Unione Energie per la Mobilità derivata da Unione Petrolifera.

L’Assemblea privata tenutasi ieri presso la sede di Piazzale Luigi Sturzo, ha deliberato all’unanimità, su proposta del Consiglio, la nomina dell’Ing. Gianni Murano alla carica di Presidente dell’Associazione per il quadriennio 2023-2027.

MURANO SUCCEDE A SPINACI

Gianni Murano, che già rivestiva la carica di Vicepresidente di unem, succede all’Ing. Claudio Spinaci, in carica dal settembre 2015, al quale l’Assemblea e il Consiglio hanno rivolto un apprezzamento unanime per l’impegno e la dedizione mostrata in questi anni, ringraziandolo per il lavoro svolto. L’Assemblea e il Consiglio hanno poi rivolto un caloroso augurio di buon lavoro al nuovo Presidente.

NOMINATI ANCHE I NUOVI VICEPRESIDENTI

L’Assemblea ha altresì nominato i quattro Vice Presidenti che affiancheranno il nuovo Presidente, nelle persone di: Raffaele Iollo (Q8); Giovanni Maffei (eni); Rosario Pistorio (Sonatrach Raffineria Italiana); Guido Ottolenghi (PIR).

CHI È MURANO, NUOVO PRESIDENTE DI UNEM

Nato a Roma, Giovanni (Gianni) Murano si laurea in Ingegneria Meccanica presso l’Università “La Sapienza” di Roma. È sposato e ha due figli. Viene assunto alla Esso Italiana nel 1990 come Project Engineer e, nel corso della sua carriera nel gruppo ExxonMobil, ricopre varie posizioni di crescente responsabilità, sia in Italia che all’estero – in Inghilterra e a Bruxelles – maturando esperienze in ambito tecnico e manageriale in diversi settori di business come la rete, la distribuzione, il supply, la programmazione petrolifera e la raffinazione.

In particolare, è stato: Project Engineer nel settore Rete della Esso Italiana, a Roma; Budget Coordinator nella Direzione Programmazione Petrolifera della Esso Italiana, a Roma; Distribution Manager della Esso Italiana per l’area Nord, a Venezia; Retail Strategy Advisor per lo European Planning Centre della ExxonMobil, a Leatherhead, nel Regno Unito; Supply Products Coordination Manager della Esso Italiana, a Roma; Mechanical Manager della Raffineria Esso Italiana ad Augusta (SR); Direttore della Raffineria SARPOM a Trecate (NO); Regional Operations Advisor della ExxonMobil per l’Europa, a Bruxelles.

Dal 1° Giugno 2014 è Presidente, Amministratore Delegato e Direttore Generale della Esso Italiana S.r.l. e Presidente della ExxonMobil Italiana Gas S.r.l. Murano è anche Presidente della SARPOM S.r.l., membro del Consiglio di Amministrazione di Terminale GNL Adriatico S.r.l. e membro del Board dell’American Chamber of Commerce in Italy.

LA PAROLA CHIAVE È GRADUALITA’

“Gradualità – che non vuol dire prorogare o dilazionare – è la parola chiave per il raggiungimento di obiettivi accettati e condivisi, perché le criticità di questi ultimi anni, non solo energetiche, hanno dimostrato la necessità e il valore della diversificazione delle fonti, senza la quale viene meno la sicurezza energetica che è alla base della sostenibilità, da intendere nella più ampia accezione del termine: ambientale, economica e sociale”, ha detto Murano durante il suo intervento. “Concetti su cui Unem insiste da anni e che oggi sono evidenti e sottolineati da più parti come essenziali per il successo della transizione – ha aggiunto -. Ne abbiamo avuto ampia prova lo scorso anno in Europa, con prezzi del petrolio e del gas arrivati a livelli inusitati e pesanti ricadute su consumatori e imprese, mitigate in parte da un sostanzioso sostegno pubblico”.

 

 

 

 

– Leggi anche: Nato, Stoltenberg è stato confermato segretario generale fino al 2024

 

(Articolo pubblicato su Energia Oltre)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top