Italia

Patuanelli firma i decreti: 600 milioni per la banda ultralarga

Patuanelli banda ultralarga

Il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha firmato i decreti attuativi per finanziare con 600 milioni di euro il “Piano Scuola” e il “Piano Voucher per famiglie” nel quadro della strategia italiana sulla banda ultralarga

Il ministro Patuanelli, in seguito alla firma dei decreti attuativi nel “Piano Scuola” e nel “Piano Voucher famiglie” ha scritto su Facebook: “La strategia italiana sulla banda ultralarga si arricchisce di un altro tassello. Dopo il via libera da parte dell’Ue al piano di aiuti messo in campo dal Governo, ho firmato i decreti attuativi per finanziare con 600 milioni di euro il ‘Piano Scuola’ e il ‘Piano Voucher per famiglie’. Il primo consiste in 400 milioni di euro per interventi di attivazione di servizi in banda ultralarga in oltre 32.000 plessi scolastici in tutta Italia. Il ‘Piano Famiglie’ consente di sostenere con 200 milioni di euro la connessione alla rete di circa 2,2 milioni di famiglie con ISEE sotto i 20 mila euro, attraverso un voucher da 500 euro per l’acquisto di un tablet o personal computer”. Si legge inoltre che gli interventi saranno gestiti da Infratel Italia che si doterà di un portale telematico, al quale le famiglie interessate dovranno registrarsi in vista dell’erogazione del contributo a partire dal prossimo mese di settembre.

LE PROSSIME TAPPE

Dopo l’avvio di queste prime misure, al termine della consultazione pubblica richiesta dalla Commissione Ue, già online dal 31 luglio scorso, si partirà anche con i voucher destinati alle famiglie con reddito ISEE fino a 50.000 euro e alle imprese. I finanziamenti previsti per il “Piano Scuola” e il “Piano Voucher per famiglie” sono risorse che il Comitato per la diffusione della Banda Ultralarga (COBUL), nella riunione tenutasi lo scorso maggio, ha destinato in favore della connettività di famiglie e scuole, anche in considerazione dell’importante valenza sociale ed economica che la tecnologia ha avuto durante l’emergenza Covid-19.

COSA HA DETTO PATUANELLI

Patuanelli ha dichiarato: “Oggi ci ritroviamo di fronte a una società in cui l’utilizzo della tecnologia ha avuto una notevole accelerazione a seguito dell’emergenza Covid-19. Sono cambiate le abitudini della vita quotidiana delle famiglie e per questo motivo il Governo ha messo in campo risorse e interventi per favorire sia la connettività delle scuole, in modo da garantire a insegnanti e studenti l’utilizzo di strumenti innovativi, sia per supportare le famiglie meno abbienti con appositi voucher. Tutti devono poter aver accesso alle nuove tecnologie e per raggiungere questo fondamentale obiettivo siamo impegnati a favorire e accelerare gli investimenti in digitalizzazione e diffusione della banda ultralarga, indicandole tra le priorità dell’Italia nell’ambito del Recovery Plan”.

COSA HA DETTO MANZELLA

Il sottosegretario allo sviluppo economico Gian Paolo Manzella ha aggiunto: “Un punto cruciale della strategia italiana è avvicinare al digitale e per questo abbiamo concentrato i voucher su famiglie, scuole e imprese. Il passo di oggi – che va a chi ha più bisogno di connessione – è anche il risultato di una collaborazione nuova tra Ministeri e amministrazioni centrali, Regioni e Commissione europea. Sono convinto che se manteniamo questo spirito di collaborazione, se assumiamo ogni giorno che stiamo lavorando tutti insieme ad un progetto strategico, raggiungeremo risultati sempre più rapidi su questo dossier centrale per il futuro italiano”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore