skip to Main Content

Quanti sono i soldati italiani  nel mondo? Ecco tutte le missioni internazionali della Difesa

Soldati Figliuolo

I dati forniti dal generale Francesco Paolo Figliuolo, Comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze, nel corso di un’audizione in Parlamento

Quanti sono i soldati italiani impiegati in Europa e nel mondo? A scattare una fotografia ci ha pensato il generale Francesco Paolo Figliuolo, Comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze, nel corso dell’audizione in Senato sulle missioni internazionali in corso e sullo stato degli interventi di cooperazione allo sviluppo a sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione.

FIGLIUOLO, ’41 MISSIONI NEL 2024, IMPIEGATI 7.800 UOMINI’

La Difesa per il 2024 partecipa, o è pronta a fornire il proprio contributo, a 41 missioni e operazioni internazionali, articolate su 36 schede missioni (22 per attività sotto l’egida di Organizzazioni internazionali – 5 Onu, 9 Nato, 8 Ue – e 14 iniziative condotte su base bilaterale o all’interno di specifiche coalizioni multinazionali).
Saranno impiegate, in media, circa 7.800 unità, con un contingente massimo autorizzato di 12.000 unità. In particolare, in aggiunta alle missioni che proseguono dal 2023, sono 2 le missioni di nuovo avvio recentemente approvate dal Parlamento.

OPERAZIONI LEVANTE E ASPIDES

Il riferimento è “all’Operazione Levante, che attraverso un rafforzamento della presenza nel Mediterraneo Orientale prevede l’impiego di un dispositivo militare per interventi umanitari a favore della popolazione palestinese della Striscia di Gaza, nonché il supporto ad eventuali operazioni di evacuazione di connazionali; all’Operazione difensiva dell’Unione Europea ”Eunavfor operazione Aspides” che mira principalmente a proteggere la libera navigazione nello Stretto di Bab El Mandeb, nel Mar Rosso e nel versante occidentale del Golfo di Aden”.

FIGLIUOLO, ‘ALLEANZA FIANCO-EST,  DA ITALIA SCHIERATE PIU’ DI 3.000 UNITA”

Per quanto riguarda “il dominio terrestre, va evidenziato – ha spiegato Figliuolo – l’impegno nell’area baltica per il potenziamento di una presenza ‘avanzata’ – operazione enhanced Forward Presence-Forward Land Forces con un contingente di circa 290 militari a supporto di un’unità multinazionale di livello reggimento-Battlegroup a guida canadese schierato in Lettonia. Si consolida inoltre il significativo supporto dei contingenti nazionali alle attività della NATO nell’area est, già avviati nel corso del 2022”.

In particolare, nell’ambito delle attività di vigilanza rafforzata – enhanced Vigilance Activities-Forward Land Forces Nato – ha aggiunto il comandante del Covi – “abbiamo assunto, dall’ottobre 2022, il ruolo di nazione guida – framework nation – del Battle Group multinazionale in Bulgaria di livello reggimento, per il quale, in linea con i nostri alleati, è in corso l’elevazione al rango ordinativo di Brigata, con la futura immissione di ulteriori componenti specializzate dell’Esercito e, dove fattibile in termini di infrastrutture messe a disposizione dalla Host Nation, della componente ad ala rotante; proprio ieri abbiamo formalmente concluso l’impegno del nostro sistema di difesa anti-aerea e anti-missilistica SAMP.

DALLA SLOVACCHIA ALLA POLONIA

in Slovacchia. Proseguiamo efficacemente il contributo al BattleGroup in Ungheria, con un contingente di circa 250 militari inquadrati in un’unità multinazionale a livello reggimento a guida ungherese”. “Nel dominio marittimo continua la partecipazione al dispositivo di sorveglianza navale e di raccolta dati nell’area di responsabilità dell’Alleanza. Per quanto riguarda il dominio aereo – ancora Figliuolo – i nostri assetti partecipano al rafforzamento del dispositivo di sorveglianza dello spazio aereo dell’alleanza e di raccolta dati nell’ambito delle attività tese a porre in essere apposite misure di rassicurazione – Assurance Measures, nonché al potenziamento delle attività di Sorveglianza e Controllo dello Spazio aereo – Air Policing ed Air Shielding.

L’impegno massimo nazionale prevede fino a 300 militari e 12 aerei, con schieramenti a rotazione tra la Polonia, la Lituania e la Romania. Siamo ora schierati in Polonia presso l’aeroporto di Malbork, a pochi chilometri dall’enclave russa di Kaliningrad, con un contingente di circa 220 militari, 4 Eurofighter e un velivolo per la ricerca informativa. Da inizio anno sono stati effettuati 8 decolli immediati reali, c.d. Alfa – Scramble, per monitorare le attività degli aerei russi al confine dello spazio aereo dell’Alleanza”. Per dimensionare il nostro contributo complessivo a supporto delle attività dell’Alleanza sul fianco-est, l’Italia schiera un contingente massimo autorizzato di più di 3.000 unità, circa 1.100 mezzi terrestri, 1 unità navale e più di 20 assetti aerei”.

KOSOVO: FIGLIUOLO, ‘DA OTTOBRE ASSUMEREMO NUOVAMENTE COMANDO OPERAZIONE KFOR’

Il generale Figliuolo ha poi affrontato il tema dei Balcani. “Nel 2024 prosegue l’impegno nazionale a sostegno della stabilizzazione dei Balcani, area in cui la presenza del nostro dispositivo militare, seppur a distanza di anni, risulta ancora fondamentale per prevenire l’acuirsi di crisi regionali e arginare le continue tensioni. In Kosovo rivestiamo il ruolo di attore primario, con un contingente schierato di circa 850 unità che può arrivare a 1.550 unità in caso di necessità (come avvenuto, ad esempio, alla fine dello scorso anno con lo schieramento della forza di riserva in prontezza a livello battaglione – Operational Reserve Forces Battalion – Orf della Nato) e dove, inoltre, dal prossimo ottobre assumeremo nuovamente il Comando dell’Operazione ‘Nato Kosovo Force (Kfor)’ nella quale oggi ricopriamo la posizione di Vice Comandante”.
“Continueremo inoltre a fornire, dove richiesto, unità specializzate dell’Arma dei Carabinieri per la missione civile dell’UE ‘European Union Rule of Law Mission in Kosovo (EULEX Kosovo)’, di cui esprimiamo l’Head of Mission”, ha aggiunto.

IN BOSNIA INCREMENTATO DA DICEMBRE IL CONTINGENTE ITALIANO, 1200 UNITA’

“In Bosnia-Erzegovina, paese attraversato da forti tensioni politiche, economiche e sociali, abbiamo incrementato dallo scorso dicembre il nostro contingente, nell’ambito della missione dell’Unione Europea ‘European Union Force (Eufor Althea)’, con lo schieramento di una compagnia di manovra che si aggiunge alla Task Force Intelligence Surveillance e Reconnaissance a guida italiana per un totale di circa 180 militari. Inoltre, abbiamo recentemente assunto la posizione di Vice Comandante dell’Operazione, garantendo anche la prontezza dall’Italia di elicotteri a supporto delle Forze di Riserva, laddove venissero schierate”, ha detto il Comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze.

“Lo strumento militare sarà quindi presente nell’area balcanica con un contingente composto in media da poco meno di 1.200 unità, che potrà arrivare a oltre 1.800 unità con la menzionata forza di riserva in prontezza della Nato, che può intervenire con brevissimo preavviso in caso di necessità sia in Kosovo sia in Bosnia. Operano, inoltre, a supporto delle missioni nei Balcani, due assetti aerei per attività di Intelligence, Sorveglianza e Ricognizione”, ha concluso.

Leggi anche: Elezioni europee: perché non ci sarà un centrodestra europeo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top