skip to Main Content

Raggi perde altri pezzi: Enrico Stefàno, Angelo Sturni, Donatella Iorio e Marco Terranova

Raggi

Ora la sindaca Raggi potrà così contare solo su 19 dei 25 voti necessari. Nasce il gruppo Il piano per Roma. Mentre tra i grillini più fedeli si torna a parlare del “complotto dei frigoriferi”

Enrico Stefàno, Angelo Sturni, Donatella Iorio e Marco Terranova hanno lasciato il Movimento 5 Stelle capitolino. Mentre a livello nazionale la forza politica fondata da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio è in preda alle convulsioni e vive con ogni probabilità le sue ore più drammatiche, a Roma Virginia Raggi continua ad assistere, impotente, all’emorragia del suo gruppo.

 

Già sotto la maggioranza consigliare con le ultime defezioni, ora è scesa a quota 19 sulla quota minima di 25. Torrenziale lo sfogo dell’ex presidente della commissione Urbanistica, Iorio: “Mi sono disiscritta dal M5s e oggi in Aula nasce il gruppo Il piano di Roma. È noto a tutti che la mia posizione è stata fortemente critica nei confronti della ricandidatura della sindaca Raggi, una ricandidatura che doveva essere quantomeno condivisa con chi in questi anni ha lavorato e approvato atti che ci sono stati sottoposti dalla giunta anche all’ultimo minuto. La delusione è stata tanta, non si può continuare a dare la colpa a chi è venuto prima”.

 

Enrico Stefàno, presidente della commissione Mobilità, lascia il M5s per una commistione di cause, nazionali (fa riferimento alla querelle tra Conte e Grillo) e locali: “senza nessun rammarico. Purtroppo la deriva che ha preso il M5s mi ha dato molto fastidio: se qualcosa non va bene è sempre colpa di qualcun altro. Penso che chi governa debba prendersi delle responsabilità. Tutto questo non è avvenuto e il modo di fare della sindaca, il dare peso al like su Facebook, non mi appartiene”.

Del medesimo avviso anche Terranova “Mi sono disiscritto dal Movimento e ho protocollato la richiesta di istituzione del nuovo gruppo – ha detto il consigliere – Credo che questa città abbia bisogno di un fronte unito di tutte le forze politiche che vogliono il bene della città. Lo dicono tutti i partiti ma per intenti e collocazione politica ci identifichiamo in una parte, quella delle forze progressiste. Su questo il Movimento ha perso un’occasione qui a Roma. Il mio riferimento è quello del Governo Conte. Quella è la soluzione per mettere insieme le forze per trovare le soluzioni anche per la città”.

Chi resta con Virgina Raggi, come il neo assessore all’Ambiente Katia Ziantoni, spolvera un vecchio – e imbarazzante – cavallo di battaglia dei grillini capitolini: il complotto dei frigoriferi: “Hanno paura che Virginia Raggi vinca di nuovo. E per questo stanno volutamente lasciando i rifiuti in strada, tenendo in ostaggio Roma e i suoi cittadini”. Dopo le polemiche e le derisioni suscitate dal suo post, l’esponente allora aggiunge: “Rifiuti? Nessun complotto contro Raggi, è la Regione Lazio che li vuole in strada”.

Leggi anche: Roma, l’ultima gaffe di Virginia Raggi: sbagliato il nome di Ciampi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore