skip to Main Content

Ruby Ter, ecco le motivazioni. Ma i giornaloni non ne parlano

Ruby Ter Giornaloni

Come sul monito di Mattarella applaudito a Napoli dal ministro della Giustizia Carlo Nordio, è caduta sulla motivazione dell’assoluzione di Berlusconi la distrazione o la censura dei giornaloni

Se nella incolpevole Emilia Romagna “diluvia sul bagnato”, come ha titolato il manifesto e tante foto documentano sui giornali, per non parlare delle immagini televisive in diretta e in differita, diluvia anche sul bagnato della (in)giustizia. Il giorno dopo il monito del presidente della Repubblica contro l’abuso dei processi, peraltro a scapito della durata ragionevole che dovrebbero avere per dettato costituzionale, è uscita la motivazione dell’assoluzione di Silvio Berlusconi a Milano per il cosiddetto “Ruby ter”, dal nome dell’allora minorenne marocchina che frequentava le sue personalissime serate.

Nella sentenza i giudici hanno avvertito e denunciato “l’inutile dispendio di attività processuale” contro l’ex presidente del Consiglio, già assolto -lo ricordo- dall’accusa addirittura di induzione alla prostituzione minorile e ora anche da quella di corruzione in atti giudiziari. L’accusa cioè di avere pagato il silenzio e simili di testimoni peraltro interrogati come tali pur essendo imputati anch’essi, quindi senza il rispetto delle garanzie processuali cui avevano diritto.

      – Leggi anche: Italia sommersa, tengono banco le elezioni: le prime pagine

Come sul monito di Mattarella applaudito a Napoli dal ministro della Giustizia Carlo Nordio, è caduta sulla motivazione dell’assoluzione di Berlusconi -peraltro in uno dei tanti processi disseminati in Italia pur dopo che l’ex presidente del Consiglio era stato discolpato in via definitiva dall’accusa primigenia, chiamiamola così- la distrazione o la censura dei giornaloni.

LE DIMENTICANZE DEI GIORNALONI …

Che hanno preferito guardare dall’altra parte dopo avere contribuito alla reclamizzazione delle pratiche processuali denunciate finalmente da giudici onesti e dal capo dello Stato. Solo Il Giornale, in parte ancora della famiglia Berlusconi, e Il Dubbio hanno trovato per la notizia uno spazio adeguato, col primo prevalente sul secondo nella denuncia dell’”imboscata al Cav” e del processo che “non andava neppure fatto”.

Si è vendicato della verità il solito Fatto Quotidiano dando la sua altrettanto solita lettura dell’assoluzione, distorcendone cioè significato e portata con questo titolo posizionato -spero per un soprassalto di pudicizia- in fondo alla sua prima pagina. Per il cosiddetto Ruby ter la corruzione sarebbe stata “provata” ma Berlusconi sarebbe “salvo” solo “per un errore”, com’è stato definito quello che invece per i giudici di primo grado -e prevedo anche per quelli successivi- è stato “un ordine di garanzie violato e ripristinato” appunto con l’assoluzione.

… E LA VERSIONE DEL FATTO QUOTIDIANO

Per fortuna Il Fatto Quotidiano è e continuerà naturalmente ad essere solo un giornale, con tutto il rispetto per questa parola, e non un tribunale di prima e ultima, cioè unica istanza. Sul cui sostegno potranno contare certi magistrati che tuttavia hanno finalmente trovato col ministro della Giustizia Carlo Nordio pane per i loro denti, per non parlare del presidente della Repubblica e insieme, per dettato costituzionale,  del Consiglio Superiore della Magistratura.

– Leggi qui tutti i Graffi di Damato

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore