Italia

Tensioni a 5 stelle sul Mes

5 stelle

I Graffi di Damato. I guai di Conte finalmente sfuggiti alla penna di Travaglio

Non sono belle giornate per Giuseppe Conte, peraltro minacciato anche da vicino dal Covid, visto l’allarme scattato a Palazzo Chigi dopo il contagio della ministra dell’Interno e le misure cautelative scattate a protezione dei due ministri che le stavano seduti accanto: i grillini che guidano i dicasteri degli Esteri e della Giustizia.

Ma più che dal Covid, da cui dovremmo sentirci minacciati tutti, anche quelli che fanno ancora i gradassi o negazionisti, Conte è minacciato dalla crescente debolezza e inadeguatezza del suo governo, all’interno del quale a condividerne metodi e scelte sono sempre in meno, e a dissentire sempre di più. Per una volta – ma forse non è neppure la prima – dissento dalla vignetta di prima pagina del Corriere della Sera in cui Emilio Giannelli fa indicare dallo stesso Conte e dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri come responsabile dell’aumentato rischio di crisi l’immancabile Matteo Renzi. Che anche Il Fatto Quotidiano definisce “il solito irresponsabile”, alludendo evidentemente a quella mezza sfiducia preannunciata per la gestione dei fondi europei in arrivo per la ripresa, ma contraddicendosi clamorosamente nell’analisi della situazione e delle responsabilità. Su cui è più preciso, o meno trattenuto stavolta dalla faziosità, il direttore Marco Travaglio paragonando le disavventure di Conte, pur da lui sempre considerato, assieme a Vauro, come il migliore attore politico del mercato, che “fibrilla ma non si spezza”, a quelle passate di Romano Prodi, scalzato a suo tempo dagli errori e dalle smanie estremistiche di Fausto Bertinotti, delle sue 35 ore e simili.

Poiché tutti mostrano di temere, o auspicare, la caduta del governo sulla questione del Mes, che sta arrivando al voto particolarmente insidioso del Senato col “rischio di mandare in mille pezzi M5S e maggioranza”, Travaglio ha avvertito che “da giovedì se ne sbatteranno tutti allegramente” della riforma e dell’uso del cosiddetto fondo europeo salva-Stati. “Così come – ha aggiunto il direttore del Fatto Quotidiano, tornando alla storia di Prodi – delle 35 ore non è mai fregato nulla a nessuno. Ciò che resterà saranno i risultati nefasti della generale Operazione Morra, Lezzi & C, talmente puri e intransigenti da non vedere al di là del proprio naso”. Sono i grillini, insomma, con la loro famosa crisi d’identità tradottasi in un intreccio di rivalità politiche e personali, a insidiare Conte. Di cui molti anche sotto le 5 stelle si sono forse stufati, anche a livelli inimmaginabili, e non vedono l’ora di liberarsi, tutto sommato condividendo anche le insofferenze dell’“irresponsabile” ex presidente del Consiglio, ex segretario del Pd, ex sindaco di Firenze e ora “una slavina pericolosa per il governo”, secondo il Gualtieri di Giannini.

Contro quest’analisi sfuggita, diciamo così, a Travaglio in un momento non so se più di sconforto o d’ira, sembra stagliarsi un’intervista del presidente grillino della Camera Roberto Fico al Corriere della Sera a sostegno di Conte. Ma, a parte il peso ormai imponderabile di Fico e degli altri esponenti più in vista o noti del movimento grillino, da qualche tempo si parla sempre più frequentemente di lui come stanco ormai di Montecitorio e dintorni, e tentato dall’avventura della candidatura a sindaco della sua Napoli nella primavera prossima.

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore