skip to Main Content

Tutti gli ultimi danni di Berlusconi

Berlusconi Meloni

Berlusconi come lo scorpione dell’antica favola di Esopo: le sue parole sono veleno per il nuovo Governo 

A parte quel “Nano”, con la maiuscola, del repertorio neppure tanto originale di Beppe Grillo, almeno per chi ricorda le campagne del secolo scorso contro Amintore Fanfani, detto anche “il mezzo toscano” per alcuni centimetri negatigli da madre Natura, bisogna riconoscere che Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano non ha infierito con quelle “Berluscomiche” del titolo di copertina contro l’ex presidente del Consiglio. Che è stato accusato senza mezzi termini dal Corriere della Sera di “boicottaggio” del governo in formazione. “Berlusconi straparla”, ha titolato la Stampa, “la mina Berlusconi” la Gazzetta del Mezzogiorno.  

In fondo, sia pure molto in fondo, il giornale  geneticamente più antiberlusconiano come può essere considerato quello diretto da Travaglio non ha mostrato di voler prendere sul serio l’ex presidente del Consiglio con le anticipazioni sui ministri forzisti, le rivelazioni sui rapporti personali appena ripresi con Putin e la dipendenza del convivente della Meloni, e padre della loro figliola, da una televisione del Biscione, in um misto fritto di pessimo gusto, a dir poco. Il Fatto non si è spinto a quel Berlusconi “problema di sicurezza nazionale” avvertito, denunciato e quant’altro da Domani, il quotidiano col quale Carlo De Benedetti si consola di non essere più l’editore di Repubblica. 

“Silvio, fermati !” gli ha gridato dalle colonne di Libero il pur dichiaratamente amico ed elettore Alessandro Sallusti avvertendolo che “avanti così finisce male” davvero. Un altro ex direttore del Giornale di famiglia, Maurizio Belpietro, gli ha rimproverato dalla prima pagina della Verità di avere “ributtato tutto all’aria”. Più comprensivo, e soprattutto solidale, è stato eroicamente -direi- il direttore in carica del Giornale Augusto Minzolini scommettendo, nonostante tutto, sulla formazione del nuovo governo di centrodestra, il primo a guida femminile, già in questa settimana: “non un’opzione, ma un obbligo, un dovere”, ha scritto il mio carissimo amico Augusto. Che si aspetta evidentemente da Giorgia Meloni, per non parlare del presidente della Repubblica con le sue prerogative di nomina, più senso di responsabilità, o patriottismo, del Cavaliere, il nuovo scorpione -direi- della favola della rana di Esopo. Lo scorpione che punge il suo salvagente nell’attraversamento del fiume, anche a costo di annegare, perché “è nella mia natura”.

Tutti i Graffi di Damato 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore