Italia

Vaccino anti Covid-19, come funziona la nuova Piattaforma di Arcuri

piattaforma arcuri

In arrivo una Piattaforma nazionale a supporto delle regioni per programmare e distribuire le dosi di vaccino anti Covid-19. Sarà gestita dal commissario straordinario Domenico Arcuri

Dal report online del commissario straordinario, Domenico Arcuri, gli italiani già vaccinati fino a ieri sera alle 23:41 erano 972.099, ovvero l’1,6% della popolazione. Prima in classifica, per somministrazioni su dosi consegnate, la Campania (92,4%) e ultima, invece, la Calabria (39,4%). Adesso, a supporto della distribuzione delle dosi di vaccino anti Covid-19, il governo ha messo a punto anche una Piattaforma informativa nazionale che sarà gestita da Arcuri.

A COSA SERVE LA PIATTAFORMA

La Piattaforma – fa sapere Palazzo Chigi – offrirà supporto non solo per la gestione della distribuzione delle dosi, ma anche nelle “operazioni di prenotazione delle vaccinazioni, e di certificazione delle stesse, nonché le operazioni di trasmissione dei dati al Ministero della salute”.

Oltre a queste operazioni, la Piattaforma agevolerà anche le attività di distribuzione sul territorio nazionale dei dispositivi e degli altri materiali di supporto alla somministrazione e il relativo tracciamento.

QUANDO INTERVIENE LA PIATTAFORMA

Se il sistema vaccinale di una Regione non risulta adeguato a gestire i dati relativi alle vaccinazioni sarà la Piattaforma – su richiesta della Regione stessa – “a eseguire in sussidiarietà, le operazioni di prenotazione delle vaccinazioni, di registrazione delle somministrazioni dei vaccini e di certificazione, nonché la trasmissione dei dati al ministero della Salute”.

Le operazioni di predisposizione e gestione della Piattaforma sono affidate ad Arcuri che, “senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, si avvale prevalentemente del supporto di società a partecipazione pubblica che siano in grado di assicurare una presenza capillare sul territorio e che prestino tale servizio a titolo gratuito”.

Leggi anche: Anagrafe Nazionale Vaccini, costa già un milione di euro in più

PIATTAFORMA E PRIVACY

Nel Dpcm si legge inoltre che “i dati personali trattati dalla Piattaforma in regime di sussidiarietà, alla data di cessazione delle esigenze di protezione e prevenzione sanitaria, devono essere cancellati o resi definitivamente anonimi ovvero restituiti alla regione o provincia autonoma titolare del trattamento”.

IL PIANO DI ARCURI

Nel corso di un vertice tra governo e Regioni, Arcuri ha ribadito ai governatori di “innalzare l’efficacia della campagna di vaccinazione”, garantendo sempre “la massima somministrazione possibile delle dosi consegnate (il 70%)” e, allo stesso tempo però, di mettere da parte il 30% di stock “per le dosi di richiamo”. Ha poi anticipato che presto le logiche di distribuzione potrebbero cambiare premiando con più dosi di vaccino non le regioni con più abitanti ma quelle più veloci a somministrarle.

Leggi anche: Vaccinazioni in Italia, ecco le Regioni più brave e quelle più lente

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore