ccc Insider

Decretone e Caso Diciotti, i lavori delle aule parlamentari

Al Senato il 21 si vota sull’autorizzazione a procedere per Salvini sul Caso Diciotti

Continua...

ccc Insider

I lavori delle Commissioni del Senato della settimana: Ivass, vaccini, ddl contro Revenge porn

Di seguito proponiamo gli appuntamenti delle Commissioni permanenti del Senato della Repubblica per la settimana dal 18 – 24 Marzo:

Continua...

ccc Insider

I lavori delle Commissioni del Senato della settimana: Legittima difesa, vaccini e semplificazione sistema tributario

Di seguito proponiamo gli appuntamenti delle Commissioni permanenti del Senato della Repubblica per la settimana dall’11 – 17 Marzo:

Continua...

ccc Insider

I lavori delle Commissioni del Senato della settimana: Carige, FUS e minori

Ecco gli appuntamenti delle Commissioni permanenti del Senato della Repubblica per la settimana dal 4 – 10 Marzo:

Continua...

ccc Insider

I lavori delle Commissioni del Senato della settimana: RdC, pensioni, Carige e Mibac

Di seguito proponiamo gli appuntamenti delle Commissioni permanenti del Senato della Repubblica per la settimana dal 25 Febbraio – 3 Marzo:

Continua...

ccc Italia

Perché è presto per parlare di manovra bis, secondo Amitrano (5 Stelle)

Il deputato M5S spiega: ipotesi manovra correttiva non è percorribile a breve. Occorre vedere gli effetti del reddito di cittadinanza e di quota 100. Importante è l’obbligo di spesa

Continua...

ccc Insider

I lavori delle Commissioni del Senato della settimana: Consob, Carige, Mibac

Di seguito proponiamo gli appuntamenti delle Commissioni permanenti del Senato della Repubblica previsti per la settimana 18 – 24 Febbraio:

Continua...

ccc Italia

Pane fresco, ecco il ddl a firma del Movimento 5 Stelle

Analisi articolo per articolo del ddl al vaglio della commissione Industria del Senato che aggiorna le norme sulla produzione e sulla vendita del pane

Continua...

ccc Italia

Cosa si discuterà nelle commissioni al Senato: reddito di cittadinanza, pensioni e bonus cultura

Di seguito proponiamo gli appuntamenti delle Commissioni permanenti del Senato della Repubblica per la settimana 11 – 17 Febbraio:

Continua...

ccc Insider

Cosa si discuterà al Senato: Reddito di cittadinanza e pensioni, affido minori e Fca

Di seguito proponiamo gli appuntamenti delle Commissioni permanenti del Senato della Repubblica per la settimana 4 – 10 Febbraio:

Continua...

ccc Insider

La settimana delle Commissioni del Senato: Istat, Relazioni Italia Russia, Difesa e Sicurezza e Vaccini

Di seguito proponiamo gli appuntamenti più significativi delle Commissioni permanenti del Senato della Repubblica nella settimana 28 gennaio – 3 febbraio:

Continua...

ccc Italia

Il decreto del governo su Carige? Ottimo. Parola di Panetta (Bankitalia)

Per Carige, Bankitalia sposa la linea dell’istituto di credito di Genova: serve partner a breve

Continua...

ccc Insider

Senato: Istat, Carige, Consob, Anpal. Le notizie principali dalle Commissioni

Di seguito proponiamo gli appuntamenti più significativi delle Commissioni permanenti del Senato della Repubblica nella settimana 21-27 gennaio:

Continua...

ccc Italia

Per i tecnici del Senato occorre “approfondire” il prestito Alitalia su risorse Csea

Chiarire se l’utilizzo dei fondi della Cassa per i servizi energetici ambientali “possa compromettere le finalità a cui le risorse medesime sono destinate a legislazione vigente

Continua...

ccc Italia

Decreto sicurezza. Tutti i dubbi dei tecnici del Senato

I tecnici del Senato puntano l’indice su alcuni aspetti del decreto sicurezza riguardanti i taser, la revoca della cittadinanza, le misure contro le occupazioni e i subappalti

Perplessità sulla sperimentazione dei taser e su un loro eventuale esito negativo (o positivo). Ma anche sulla revoca della cittadinanza, sulle misure anti-occupazioni e sul trattamento sanzionatorio per le condotte degli appaltatori, che facciano ricorso, illecitamente a meccanismi di subappalto. Sono solo alcuni dei rilievi mossi dai tecnici del Senato nel dossier sul provvedimento (qui il testo completo).

DECRETO SICUREZZA. I DUBBI SUI TASER

Il decreto sicurezza introduce in via sperimentale – sei mesi – per le polizie municipali (dei comuni sopra i centomila abitanti), la possibilità di utilizzare armi comuni ad impulsi elettrici. In esito alla sperimentazione, i comuni potranno poi deliberare, con proprio regolamento, di assegnare in dotazione effettiva di reparto queste armi. “Affinché il comune possa procedere alla messa a regime del ricorso allo strumento ad impulsi elettronici, occorre che l’arma risulti ‘positivamente sperimentata’. In proposito, la disposizione non detta alcun principio circa la modalità con cui debba essere effettuata tale valutazione, che pare pertanto demandata alla piena discrezionalità dei comuni (in assenza di richiami a criteri eventualmente rimessi alla Conferenza unificata o alla Conferenza Stato-città). Non è peraltro chiaro se un’eventuale valutazione negativa possa costituire un ostacolo alla possibilità di procedere, in un secondo momento (anche a seguito del rinnovo degli organi comunali) alla messa a regime dello strumento”. Si pone, inoltre, a carico dei Comuni e delle Regioni “gli oneri derivanti, rispettivamente, dalla sperimentazione e dalla formazione del personale delle polizie municipali interessato, nei limiti delle risorse disponibili nei propri bilanci. Al termine del periodo di sperimentazione, qualora questo abbia dato esiti positivi e i Comuni decidano di introdurre a regime tale strumento fra quelli in dotazione effettiva alla Polizia municipale, le regioni parrebbero essere chiamate a sostenere i costi della formazione a regime”.

REVOCA DELLA CITTADINANZA NEL DECRETO SICUREZZA

Nel decreto si introducono nuove disposizioni in materia di acquisizione e revoca della cittadinanza. In particolare, viene abrogata la disposizione che preclude il rigetto dell’istanza di acquisizione della cittadinanza per matrimonio decorsi due anni dall’istanza. Inoltre viene innalzato da 200 a 250 euro l’importo del contributo richiesto per gli atti relativi alla cittadinanza. Si estende da ventiquattro a quarantotto mesi il termine per la conclusione dei procedimenti di riconoscimento della cittadinanza per matrimonio e per c.d. naturalizzazione. Da ultimo, sono introdotte nuove ipotesi di revoca della cittadinanza in caso di condanna definitiva per i reati di terrorismo ed eversione esclusa per i cittadini italiani iure sanguinis. Tuttavia, “in relazione all’ambito di operatività delle ipotesi di revoca introdotte andrebbe valutato se, a fronte di una condanna definitiva per determinati reati, sia configurabile che le conseguenze (in termini di revoca della cittadinanza) differiscano in base alla modalità con cui la cittadinanza sia stata acquisita”.

LE OCCUPAZIONI

Il decreto SICUREZZA inasprisce le sanzioni per coloro che promuovono o organizzano l’invasione di terreni o edifici, ovvero che compiono il fatto armati. Due le circostanza aggravanti speciali, la cui presenza modifica il regime di procedibilità implicando la punibilità d’ufficio. La prima circostanza ricorre quando “il fatto è commesso da più di cinque persone, di cui una almeno palesemente armata; la seconda circostanza, invece, ricorre quando il fatto è commesso da più di dieci persone, anche senza armi. In questo secondo caso, “è opportuno rilevare che per la configurabilità dell’aggravante prevista dal secondo comma dell’art. 633, la giurisprudenza ritiene necessario che l’azione invasiva sia stata commessa collettivamente, da più persone concorrenti che agiscano riunite e siano presenti simultaneamente sul luogo del delitto per la sua consumazione (Cassazione, sez. II. Sentenza 26 giugno 2016, n. 43120). Pertanto – osservano i tecnici del Senato – la nuova disposizione sembrerebbe escludere dal proprio ambito di applicazione i promotori e organizzatori che pur avendo progettato l’invasione non vi hanno poi, materialmente, preso parte”.

APPALTATORI CHE FANNO RICORSO ILLECITAMENTE A MECCANISMI DI SUBAPPALTO

L’articolo 25 del decreto sicurezza mira ad inasprire il trattamento sanzionatorio per le condotte degli appaltatori, che facciano ricorso, illecitamente a meccanismi di subappalto. La disposizione trasforma questo tipo di reati da contravvenzioni a delitti, puniti con la pena della reclusione da uno a cinque anni e con la multa non inferiore a un terzo del valore dell’opera concessa in subappalto o a cottimo e non superiore ad un terzo del valore complessivo dell’opera ricevuta in sub-appalto. “In proposito è opportuno rilevare che la trasformazione in delitto – in mancanza di una espressa previsione – comporta l’esclusione della punibilità delle ipotesi colpose – evidenzia il dossier –. Si tratta di una conseguenza di non poco conto soprattutto per gli effetti inter-temporali della trasformazione: in altri termini in sede applicativa si dovrà chiarire se i fatti colposi commessi ante decreto-legge restino punibili alla luce della previgente fattispecie contravvenzionale oppure la restrizione dell’area della rilevanza penale alle sole ipotesi dolose, conseguente alla trasformazione del reato da contravvenzione a delitto, si riverberi anche ai fatti antecedenti alla modifica normativa”.

Continua...

ccc Italia

L’Ufficio di Bilancio boccia Def e manovra

Previsioni di crescita “troppo ottimistiche” e “forti rischi al ribasso” per la congiuntura debole e le “turbolenze finanziarie”. Negata la validazione del documento finanziario

Dopo le critiche di Bankitalia e Corte dei Conti arriva la prima bocciatura ufficiale per la Nota di aggiornamento al Def presentata dal governo giallo-verde. Secondo l’Ufficio parlamentare di bilancio (Upb) le previsioni di crescita alla base della manovra sono “troppo ottimistiche”, e ci sono “forti rischi al ribasso” per la congiuntura debole e le “turbolenze finanziarie”. Per questo l’Authority istituita dopo l’introduzione nel nostro ordinamento del Fiscal Compact, ha negato la “validazione” al documento finanziario durante l’audizione alle commissioni Bilancio di Camera e Senato (qui il testo dell’audizione).

POSSIBILE L’ATTIVAZIONE DEL “COMPLY OR EXPLAIN”

Il meccanismo prevede ora che, nel caso un terzo dei componenti della commissione lo chieda, si possa attivare il meccanismo del “comply or explain” secondo il quale il ministro dell’Economia può scegliere o di rivedere al ribasso le stime contenute nel documento – ripensando di fatto tutto l’impianto della manovra – oppure di spiegare le ragioni che lo hanno portato a mettere nero su bianco quei numeri.

TROPPO OTTIMISTICHE LE STIME DI PIL REALE E NOMINALE

Più nel dettaglio l’UPB ritiene che “non sia possibile validare le previsioni macroeconomiche sul 2019” del quadro programmatico della NADEF 2018 giudicando che “i significativi e diffusi disallineamenti relativi alle principali variabili del quadro programmatico rendono eccessivamente ottimistica la previsione di crescita sia del Pil reale (1,5 per cento) sia di quello nominale (3,1 per cento nel 2019), variabile quest’ultima cruciale per la dinamica degli aggregati di finanza pubblica”. I disallineamenti che inducono un giudizio negativo riguardano, in ultima analisi, “la dimensione – ma non il segno – dell’impatto della manovra sul quadro macroeconomico. Inoltre, vanno ricordati i forti rischi al ribasso cui sono soggette le previsioni per il 2019 alla luce di diversi fattori: a) le deboli tendenze congiunturali di breve termine, che rendono poco realistici forti trend al rialzo rispetto allo scenario tendenziale del prossimo anno; b) la possibilità che nelle attese degli operatori di mercato lo stimolo di domanda ingenerato dall’espansione dell’indebitamento venga limitato dal contestuale aumento delle turbolenze finanziarie”.

IL NUOVO DEFICIT INCORPORA UNA MAGGIORE SPESA PER INTERESSI DOVUTA ALL’AUMENTO DELLO SPREAD

Non solo. Il contenuto della Nota di aggiornamento, osserva Upb, consente di osservare che “il nuovo deficit programmatico della NADEF 2018 incorpora una maggiore spesa per interessi rispetto alle previsioni tendenziali dovuta all’aumento dello spread rispetto agli altri paesi della Ue registrato nei mesi recenti che, tra il 2018 e il 2021, raggiunge complessivamente almeno 17 miliardi (0,9 punti percentuali di PIL)”. Il saldo nominale e quello strutturale programmatici, inoltre, “risentono della neutralizzazione totale della clausola di salvaguardia su Iva e accise nel 2019 e di una parziale disattivazione nei due anni successivi; a differenza dei precedenti documenti di programmazione, il mantenimento delle clausole nel 2020 e 2021 non è utilizzato per raggiungere nell’arco del periodo di programmazione l’obiettivo del pareggio di bilancio strutturale, ma per mantenere stabile il deficit strutturale al livello del 2019, finanziando pertanto misure permanenti di maggiore spesa e minore entrata; senza clausole il deficit nominale salirebbe al 2,8 per cento del PIL nel 2020 per poi posizionarsi al 2,6 per cento nel 2021 (il deficit strutturale programmatico salirebbe dall’1,7 per cento del 2019 al 2,4 per cento del 2020 e al 2,5 per cento nel 2021)”. Infine, l’incidenza sul Pil degli investimenti “dovrebbe aumentarne dall’1,9 per cento del 2018 al 2,3 per cento nel 2021, obiettivo certamente auspicabile ma che appare particolarmente ambizioso in confronto con l’andamento recente (gli investimenti presentano tassi di variazione negativi dal 2010 al 2017 e nel 2018 dovrebbero registrare una riduzione del 2,2 per cento a fronte di un incremento previsto nel Def del 2,5 per cento), dal momento che si programmano aumenti degli investimenti del 16 per cento nel 2019, 10,7 per cento nel 2020 e 7,1 per cento nel 2021”.

LA COMMISSIONE UE “POTREBBE CONSIDERARE COME ‘PARTICOLARMENTE GRAVE’ IL MANCATO RISPETTO DELLE REGOLE DEL PATTO”

Lo scenario programmatico della NADEF 2018 si distingue da quello delineato nel DEF 2018 di aprile per l’allontanamento nel 2019 e l’arresto nel 2020-21 del percorso di avvicinamento verso l’Obiettivo di medio termine (OMT). I cambiamenti ipotizzati si riflettono sul rispetto delle regole di bilancio In particolare per il 2019 il deterioramento del saldo strutturale di 0,8 punti percentuali di Pil, a fronte dello stesso aggiustamento richiesto (0,6 punti percentuali) comporta una deviazione significativa della regola sul saldo strutturale in termini sia annuali sia in media su due anni. Analogamente, le previsioni implicano una deviazione significativa anche per la regola della spesa”. In questo senso la Commissione europea “potrebbe considerare come ‘particolarmente grave’ il mancato rispetto delle regole del Patto”.

MANCA L’ANALISI DEL GOVERNO SULLA DEVIAZIONE DAGLI OBIETTIVI DI RISANAMENTO

Infine, rileva l’Upb, “sembrerebbe mancare una compiuta analisi delle condizioni cicliche che hanno portato alla proposta del Governo di deviare dal percorso di avvicinamento all’obiettivo di medio termine, nonché la scansione temporale del piano di rientro. Dall’esame dell’interlocuzione con la Commissione europea si evincono perplessità delle istituzioni sovranazionali sul quadro programmatico proposto con la NADEF. La mancanza di un quadro di condivisione degli spazi aggiuntivi di flessibilità sembrerebbe essere l’elemento di differenza maggiore rispetto alle Relazioni al Parlamento presentate negli esercizi precedenti”.

Continua...

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore