Dal mondo

Politica estera. Tutti gli appuntamenti di questa settimana (7-13 dicembre)

politica estera
cluj-napoca, romania.

Macron ospita al-Sisi, il voto in Ghana, l’accordo commerciale Stati Uniti-Ecuador, la visita di Erdogan in Azerbaigian e i negoziati mediati dall’UE tra il Kosovo e la Serbia. Poi i dossier Corea del Sud, Romania, Afghanistan, Iran e Israele-Arabia Saudita. Tutti gli appuntamenti di politica estera di questa settimana (7-13 dicembre) secondo Foreign Policy:

Lunedì 7 novembre

ONUMark Lowcock, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, ha discusso e analizzato presso la Brookings Institution (Washington DC), l’impatto della pandemia di coronavirus sulle azioni umanitarie nel mondo.

BIELORUSSIA – La leader dell’opposizione bielorussa Svetlana Tikhanovskaya ha parlato in un forum dell’Atlantic Council.

FRANCIA – Il presidente francese Emmanuel Macron ospita il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi per discutere alcune questioni che riguardano le relazioni Francia-Egitto.

GHANA – Gli elettori in Ghana si sono recati alle urne per le elezioni presidenziali e legislative.

Martedì 8 dicembre

ECUADOR – A Quito si firma un accordo commerciale tra gli Stati Uniti e l’Ecuador, alla presenza del rappresentante commerciale statunitense Robert Lighthizer.

STATI UNITI – La Casa Bianca ospita un summit sul vaccino COVID-19 con i governatori degli Stati e i rappresentanti delle aziende farmaceutiche in vista di una riunione della Food and Drug Administration per autorizzare l’uso dei vaccini Pfizer/BioNTech e Moderna.

LIBERIA – I Liberiani votano alle elezioni del Senato. Il voto include referendum sulla riduzione della durata dei mandati presidenziali e del Senato e sull’opportunità di consentire la doppia cittadinanza.

GERMANIAAlexander Gauland del partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) arriva a Mosca su invito del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Mercoledì 9 dicembre

TURCHIA – Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan inizia una visita di due giorni in Azerbaigian.

Giovedì 10 dicembre

UE – Inizia il vertice dei leader del Consiglio europeo.

UE – Si svolgono i negoziati mediati dall’UE tra il Kosovo e la Serbia.

Venerdì 11 dicembre

STATI UNITI – La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti si aggiorna. Anche i finanziamenti governativi sono in scadenza.

NORVEGIA – A Oslo inizia il Forum del Premio Nobel per la pace.

Sabato 12 dicembre

REGNO UNITO – Il Regno Unito e le Nazioni Unite ospitano il Climate Ambition Summit, invitando i membri dell’ONU ad impegnarsi maggiormente nell’azione per il clima, in coincidenza con il quinto anniversario dell’Accordo di Parigi sul clima.

DOSSIER COREA DEL SUD

Il Covid ruggisce di nuovo in Corea del Sud, quello che era stato uno dei primi Paesi a fermare la diffusione del virus, sta affrontando la sua più grande ondata in nove mesi, con 631 nuovi casi segnalati sabato. Park Neung-hoo, un funzionario del ministero della Salute, ha detto che il numero attuale di infezioni “sta superando il livello che possiamo controllare nel nostro sistema ospedaliero”. Con l’aumento dei casi, la Corea del Sud sta attuando nuove restrizioni per le prossime tre settimane che includono il divieto di raduni di più di 50 persone e la chiusura di palestre e luoghi di culto.

DOSSIER ROMANIA

Si è votato in Romania e il primo ministro rumeno Ludovic Orban resiste al potere con difficoltà. Orban in queste ore si sta dando da fare per formare una coalizione dopo che i primi risultati elettorali hanno visto il suo Partito Nazionale Liberale scivolare dietro al rivale Partito Socialdemocratico. Le elezioni sono state caratterizzate da un’affluenza alle urne di appena il 32 per cento, la più bassa da quando è finito il comunismo nel Paese. Nonostante i risultati negativi, Orban ha dichiarato che il suo partito è e sarà il “vincitore morale e vincitore finale del processo di conteggio”. Sono ancora attesi i risultati ufficiali delle elezioni. Il Partito Socialdemocratico è sopra il 30%. Orban, con poco più del 25%, dovrebbe comunque continuare a governare in coalizione con il partito riformista Usr Plus.

DOSSIER AFGHANISTAN

Un nuovo rapporto del progetto Costs of War della Brown University rileva che un allentamento delle regole d’ingaggio del Dipartimento della Difesa statunitense del 2017 in Afghanistan è coinciso con un aumento del 95% del numero di morti civili causate da attacchi aerei statunitensi e alleati rispetto ai dieci anni precedenti. Il rapporto ha anche rilevato che 700 civili afghani sono stati uccisi da attacchi aerei nel solo 2019, il maggior numero di morti in un anno dall’inizio della guerra nel 2001.

DOSSIER IRAN

Circa dieci petroliere iraniane sono dirette in Venezuela con l’ultima consegna per sfidare le sanzioni statunitensi sul Paese. Bloomberg riferisce che le autocisterne raccoglieranno anche il carburante in Venezuela per l’esportazione. La flotta è circa il doppio di quella che a maggio ha già viaggiato dall’Iran al Venezuela. A settembre, l’economista iraniano Esfandyar Batmanghelidj e il fondatore e direttore della Oil for Venezuela Foundation, Francisco Rodríguez, hanno sostenuto in politica estera che i due Stati isolati e sanzionati si stanno aiutando sempre di più.

“Il semplice fatto che l’Iran, che ha affrontato un’ampia campagna di sanzioni per più di un decennio, sia venuto recentemente in aiuto del Venezuela, che è stato sotto una pressione sanzionatoria concertata solo per pochi anni, suggerisce un notevole grado di resistenza economica”, hanno scritto. “Quando si confrontano le due economie, la domanda più importante non è se l’Iran diventerà come il Venezuela, ma piuttosto se il Venezuela diventerà più simile all’Iran”.

DOSSIER TURCHIA

I ministri degli Esteri dell’Unione europea discuteranno se imporre sanzioni alla Turchia per la sua esplorazione del gas nel Mediterraneo orientale. L’Ue sostiene che la Turchia ha operato navi da esplorazione e da trivellazione in acque contestate da Grecia e Cipro. La Grecia si è offerta di negoziare con la Turchia sulla questione, ma si è rifiutata di farlo finché le navi turche lavoreranno ancora nella zona. Una nave di esplorazione sismica turca è tornata in porto il 29 novembre dopo una missione di 111 giorni che ha raccolto 10.995 km di dati sismici 2D, secondo il ministero dell’Energia turco.

DOSSIER ISRAELE-ARABIA SAUDITA

Il principe dell’Arabia Saudita, Turki bin Faisal al-Saud, ex ambasciatore negli Stati Uniti e nel Regno Unito, ha espresso commenti molto critici sul trattamento riservato da Israele ai palestinesi in una conferenza internazionale sulla sicurezza, subito prima che il ministro degli Esteri israeliano Gabi Ashkenazi salisse sul palco.

Il principe Turki ha accusato Israele di ipocrisia e ha lamentato l’incarcerazione dei palestinesi “nei campi di concentramento sotto la più sottile delle accuse di sicurezza – giovani e anziani, donne e uomini, che lì marciscono senza ricorrere alla giustizia”, ha detto. “Stanno demolendo le case come vogliono e uccidono chi vogliono”, ha aggiunto. Dopo il discorso del principe Turki, Ashkenazi ha cercato di raffreddare la situazione. “Vorrei esprimere il mio rammarico per i commenti del rappresentante saudita. Non credo che riflettano lo spirito e i cambiamenti in atto in Medio Oriente”, ha detto.

Gli appuntamenti della scorsa settimana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore