Fact Checking

Prezzo del latte e pastori sardi: parla il Ministro Centinaio

A che punto è la trattativa con i pastori sardi sul prezzo del latte ovino. Dai microfoni di Radio 1, Cento Città, il Ministro Centinaio spiega lo stato dell’arte. Non sono d’accordo i pastori sardi. Ancora in subbuglio anche le aziende di trasformazione del latte, che non riescono a lavorare

Il Tavolo di filiera sulla crisi del latte ovino fa discutere e provoca la protesta ancora dei pastori sardi. Ieri si è svolto a Roma l’appuntamento del Tavolo e quest’oggi la trasmissione di Radio 1, Cento Città, condotta da Ilaria Amenta e Gianluca Semprini ha affrontato il tema. Alla base della trasmissione la domanda: perché i pastori protestano ancora, nonostante l’apertura di un tavolo di filiera? Avete affrontato il problema del prezzo – di cui anche Policy Maker ha dato conto in questi giorni: ovvero la proposta dei pastori di portare il prezzo base a 80 centesimi contro i 72 centesimi offerti dai trasformatori.

LA VERSIONE DEL MINISTRO CENTINAIO

A rispondere ai microfoni di Cento Città, il Ministro delle Politiche Agricole, Gian Marco Centinaio, che ha spiegato l’intento del tavolo di ieri: “Il tavolo di ieri non si è svolto per parlare di prezzo, ma di regole, erano presenti i trasformatori di Assolatte, non nella figura dei proprietari ma nelle figure dei tecnici, e si è parlato di filiera con un tavolo ad hoc presieduto dal Prefetto di Sassari. Chi si è presentato al tavolo con altre aspettative non aveva letto la convocazione”. Ma la questione del prezzo, chiedono gli intervistatori? “Tante cose che erano sul tavolo sono state decise e deliberate con la soddisfazione di tutti, pastori compresi. I pastori non sono soddisfatti del prezzo? Questa questione la tratteranno la settimana prossima”. Intanto per orientare il mercato, e per abbassare il prezzo del formaggio pecorino presente in surplus sul mercato, dice Centinaio: “abbiamo messo sul piatto 50 milioni di euro, di cui 10 milioni per ristrutturare la filiera, i restanti 40 milioni (da parte di Ministero Interno, regione Sardegna e Banco di Sardegna) saranno utilizzati per il prezzo, facendolo calare, con l’acquisto del pecorino. L’obiettivo che abbiamo è che ci sia un calo del prezzo”.

I PASTORI SARDI NON CI STANNO. I TRASFORMATORI CHIEDONO SERENITÀ PER TRATTARE

Non sono dello stesso avviso i pastori sardi, che fanno sentire la propria voce tramite Giovanni Sanna, uno dei portavoce Movimento dei pastori sardi: “No non siamo soddisfatti del tavolo, ci aspettavamo la presenza dei nostri industriale, perché i 72 centesimi decisi non bastano”. Sanna recrimina sulla “mancata presenza dei proprietari”. Bloccherete i seggi di domenica o manterrete la tregua? “Vedremo, non è facile organizzare la protesta, siamo amareggiati e delusi, ci sentiamo presi in giro”.

Giovanni Argiolas, Presidente del Consorzio di Tutela del Pecorino, sull’assenza delle aziende di trasformazione al tavolo della filiera, contestato dai pastori, ha dichiarato a Radio 1: “non eravamo al tavolo ieri perché siamo in stato di assedio nelle aziende.

Il tavolo doveva essere di filiera, la presenza c’era da parte dei funzionari di Assolatte e quindi noi c’eravamo, la situazione qui in Sardegna è di emergenza, siamo privi dei nostri diritti di far funzionare le aziende”. Cosa chiedete? “Chiediamo di sederci ad un tavolo con serenità, senza che ci venga impedito di lavorare”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore