Italia

Chi invoca il cordone sanitario per Salvini

Salvini

I Graffi di Damato. Dietro il cordone sanitario reclamato contro la Lega di Matteo Salvini

Beati i giovani, pur col futuro più incerto di quello cui abbiamo potuto pensare alla loro età noi anziani che ci ostiniamo ancora a vivere e a resistere al Covid, tenendoci ben stretti i nostri presunti privilegi sfuggiti a forbici, apriscatole e altri attrezzi, magari anche da scasso. Essi, avendo potuto risparmiarsi le cronache da noi raccontate e vissute della cosiddetta prima Repubblica, quando – per esempio – dovevamo misurarci con i sospiri, le pause, gli aggettivi, gli avverbi di Enrico Berlinguer per valutarne gli strappi veri o presunti da Mosca rimproveratigli da Armando Cossutta, e su cui fior di leader politici scommettevano per disegnare nuovi equilibri e scenari, non possono ora confrontarli con i loro eredi, presunti o reali che siano. E con tutte le diffidenze, le smorfie, i nasi turati, gli allarmi opposti al Matteo Salvini messosi ora a disposizione, o quasi, di Mario Draghi.

Leggi anche: Draghi conquista tutti (tranne la Meloni)

Ma come si permette?, hanno l’aria di chiedere i più accaniti avversari del leader leghista, magari con l’aria di proteggere il presidente del Consiglio incaricato dall’insidia di un falso abbraccio o di una falsa conversione o semplice correzione di rotta. E parlo di gente che a sentire il nome di Draghi convocato al Quirinale da Mattarella per ottenere l’incarico di formare il nuovo governo per poco non sono svenuti dalla delusione e dalla paura, annunciando riserve o contrarietà poi sbollite per opportunismo o senso di realtà, e magari anche per qualche discreto richiamo dal Colle. Dove pure avevano avuto l’accortezza di spiegare ben bene davanti alle telecamere, come in un messaggio diretto del capo dello Stato agli italiani, le emergenze di vario tipo e genere che non permettono più vecchi giochi e giochetti, e impongono un governo di “alto profilo” e fuori dalle formule politiche, dagli schemi e quant’altro di questa legislatura a dir poco avventurosa. A meno della cui metà si sono già alternate due maggioranze di segno opposto: una gialloverde e l’altra giallorossa, entrambe curiosamente e disinvoltamente guidate dalla stessa persona.

Leggi anche: La Lega rinnega l’alleato europeo Joerg Meuthen e difende Draghi

Eppure è almeno dalla scorsa estate che dalla Lega provenivano segnali d’europeismo che potevano ben essere considerati tuoni rispetto a quelli levatisi negli anni Settanta del secolo scorso dal Pci per fare versare i classici litri di inchiostro e chilometri di analisi stampate per descrivere o prevedere botteghe – dalla strada romana della sede del partito berlingueriano – non più oscure ma chiarissime, limpide come acqua sorgente. E non datemi, per favore, del blasfemo per avere appaiato la Lega al Pci, perché non appartiene ad un modestissimo e anziano cronista come me ma addirittura a Massimo D’Alema, quello degli anni d’oro, in cui si era messo in testa, alla fine riuscendovi, di essere il primo e unico comunista o post-comunista a poter arrivare a Palazzo Chigi, la classificazione della Lega come “costola della sinistra”.

Sì, so bene che era la Lega di Umberto Bossi, da alcuni considerata ben diversa da quella di Salvini. Sì, diversa anche nel senso che quella reclamava sulle calli di Venezia e lungo il Po la secessione e annunciava la formazione di governi “provvisori” della Repubblica indipendente della Padania. E il suo leader intimava alla povera signora veneziana che esponeva il tricolore italiano alla finestra di casa di andarlo subito a “gettare nel cesso”. Questi spettacoli, almeno, il sovranista, il “truce” Salvini dei racconti di Giuliano Ferrara e il “Cazzaro verde” delle invettive di Marco Travaglio le ha risparmiate a noi poveri e sgomenti spettatori. O no?

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore