Italia

Green Pass per entrare al ristorante? Cosa ne pensano i diretti interessati?

green pass ristorante

Il consigliere delegato di Filiera Italia: “Sì al green pass per andare al ristorante, locali privati e trasporti. Gli irresponsabili siano isolati”

Green pass per potersi sedere al ristorante o per andare semplicemente al bar? La Francia ha rotto gli indugi, l’Italia valuta, consapevole che il rischio di veder aumentare i contagi è tutt’altro che astratto. Il generale Francesco Paolo Figliuolo è il più entusiasta sul punto e nel CTS per convincere i renitenti al vaccino c’è chi suggerisce pure di non consentire più il tampone per ottenere un certificato temporaneo, così da stanare i renitenti al vaccino.

La proposta di esibire il green pass prima di essere serviti al ristorante pare piacere anche agli addetti del settore. “Sì a green pass per locali privati e trasporti, gli irresponsabili siano isolati”, ha detto Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia, per tutelare e sostenere ripresa e riaperture dopo gli “stop and go” dovuti alla pandemia che sono costati solo al settore dell’horeca nel 2020 quasi 41 miliardi di euro.

“L’Italia – ha aggiunto – non sia indecisa e segua l’esempio di altri Paesi europei: per il nostro settore il momento è estremamente delicato, e l’accenno di ripresa della ristorazione deve essere consolidato”. Da Filiera Italia fanno capire che si deve evitare a ogni costo il rischio chiusura, stante soprattutto i dati che potrebbero tornare a chiazzare l’Italia di giallo: “dobbiamo evitare di ricorrere a nuove restrizioni che decreterebbero la morte del settore e innescherennero una crisi dei comparti collegati, primo fra tutti quello agroalimentare, che nell’ultimo anno ha subito perdite gravissime, fino al 40% per alcune filiere, formaggi, salumi e vino in primis”.

Ci sono almeno due milioni e mezzo di over 60 da acciuffare. E poi serpeggia il timore che gli eccessi per i festeggiamenti per la vittoria della nazionale agli Europei abbino una coda molto velenosa. “La vera partita della fiducia e la ripresa dei consumi si gioca a partire da oggi, per arrivare al banco di prova di inizio autunno – ha spiegato Scordamaglia – gli strumenti per evitare aperture a singhiozzo esistono, la campagna vaccinale sta dando i suoi frutti, non si perda tempo ora, perché il rischio è di innescare un processo a ritroso e nessuno vuole rischiare di trovarsi in piena estate nelle stesse condizioni dell’ottobre scorso con serrate improvvise alternate a aperture contingentate”. E conclude il consigliere delegato “Si penalizzi chi irresponsabilmente sceglie di non vaccinarsi. Come in tutti i precedenti casi della storia una patologia ormai endemica si combatte solo con il vaccino”

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore