Italia

Vaccini Covid19: l’allarme di Minenna (Agenzia delle Dogane): non comprateli online

Minenna Covid19

Allarme del Direttore Generale dell’Agenzia delle Dogane Marcello Minenna sul vaccino anti Covid19. I sistemi di intelligence dell’Agenzia, hanno intercettato la potenziale distribuzione in Italia di preparati contraffatti, prodotti in Cina ma non dalle società cinesi impegnate nello sviluppo del vaccino

A lanciare l’allarme, intervistato dal GR1 Rai, è Marcello Minenna, direttore generale dell’Agenzia dei Monopoli e delle Dogane, che spiega come al momento “non è possibile né lecito acquistare vaccini anti Covid-19 attraverso nessuna modalità”.

La dichiarazione di Marcello Minenna

“I nostri sistemi di intelligence – spiega Minenna ai microfoni del GR1 Rai – hanno intercettato la potenziale distribuzione, sul territorio nazionale, di vaccini cinesi che però non sarebbero realizzati dalle società cinesi che ci risulta abbiano prodotto il vaccino che stanno distribuendo da alcuni mesi in Cina”.

“Sono vaccini –  spiega ancora il direttore generale dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli – che con elevata probabilità non servono a nulla, anche perché sappiamo che il trasporto di questi vaccini richiede temperature particolarmente basse”.

A preoccupare Minenna, non è solo la provenienza dubbia di questi vaccini anti Covid19, ma anche la logistica. “Un vaccino che si vende online, trasportato in maniera non opportuna, è chiaro che ci sono tutti gli elementi perché siano dannoso”.

Minenna ha anche spiegato come l’agenzia delle Dogane abbia una attività di monitoraggio sulle piattaforme e-commerce, dal momento che i prodotti acquistati all’estero devono poi passare i controlli e le verifiche doganali. Ed è proprio la possibilità che qualcuno acquisti online preparati spacciati per vaccini anti Covid-19 che ha fatto scattare il campanello d’allarme. Su questo Minenna è perentorio. Al momento, spiega, “Non è possibile ne lecito acquistare vaccini anti Covid-19 attraverso nessuna modalità”.

Il vaccino cinese anti Covid-19 di Sinovac

In Cina tra i candidati vaccini più promettenti, arrivati alla “fase 3” della sperimentazione, c’è il preparato di Sinovac. Il vaccino, sviluppato in collaborazione con l’Istituto Butantan di San Paolo (Brasile), si chiama Coronavac e si basa sulla tecnologia del virus inattivato. Si tratta, in pratica, di un vaccino cosiddetto classico in cui il virus viene ucciso per poterne ridurre la virulenza e la capacità di causare danni.

Il vaccino cinese, secondo i risultati preliminari fondati sulle prime due fasi di test clinici in Cina, con oltre 700 partecipanti, sembra funzionare. Il vaccino attiva una risposta immunitaria veloce.

“Le nostre conclusioni dimostrano che il Coronavac è in grado di indurre una rapida risposta di anticorpi nelle quattro settimane dall’immunizzazione, con due dosi vaccino a 14 giorni di intervallo”, spiega su The Lancet Infectious Diseases Zhu Fengcai, uno degli autori dello studio.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore