Dal mondo

2030, sarà l’ora dei treni a idrogeno al posto del diesel

treni idrogeno

Al 2030 i treni alimentati con sistemi a idrogeno (FCH) potrebbero aggiudicarsi un market share che nell’ipotesi più probabile si attesterà sul 20% e competerà con le tecnologie diesel ed elettrica. A rivelarlo lo studio Roland Berger

Oggi il 40% delle principali linee della rete ferroviaria europea e il 20% di tutto il traffico su rotaia è alimentato con motori a diesel. Con ovvi impatti ambientali. L’Unione Europea è impegnata in prima linea nella lotta al cambiamento climatico. E i nuovi treni che utilizzano tecnologie a idrogeno e celle a combustibile, da qui l’acronimo FCH – Fuel Cells and Hydrogen, possono diventare uno dei suoi più grandi alleati. Perché sono flessibili, a zero emissioni e silenziosi.

I TRENI A FHC POSSONO SOSTITUIRE IL DIESEL

Queste le caratteristiche principali dei treni a propulsione FCH. Lo studio di Roland Berger «The use of fuel cells and hydrogen in the railway environment», creato insieme a Fuel Cells and Hydrogen Joint Undertaking (FCH JU) e Shift2Rail Joint Undertaking (S2R JU), analizza a fondo le possibili evoluzioni nell’utilizzo dei treni FCH in relazione alla sostituzione del vetusto materiale rotabile alimentato a diesel.

DA QUI AL 2030 1 SU 5 TRENI SARÀ A IDROGENO

Gli esperti di Roland Berger prospettano un incremento significativo del mercato. Entro un decennio o poco più un treno su cinque sarà alimentato con sistemi FCH. Questo tipo di convogli offrono performance altamente tecnologiche nonché grande flessibilità e versatilità. Ma non solo.

PARISETTI (ROLAND BERGER): “UNA VERA SOLUZIONE VERDE”

«I treni a idrogeno, grazie alle loro peculiari caratteristiche», spiega Francesco Calvi Parisetti, Partner di Roland Berger Italia, «Risultano essere una vera soluzione “verde” all’inquinamento generato dalle vecchie flotte diesel. L’idrogeno favorisce applicazioni multi-modali e comuni stazioni di rifornimento tra treno, bus e auto che saranno alimentate con la stessa tecnologia. Questo dà slancio ad un aumento dell’utilizzo delle infrastrutture e ne riduce il costo per l’utente finale. Certo, tornando ai treni FCH, ad oggi si percepisce il vantaggio economico sul diesel solo su tratte di lunga percorrenza, oltre i 100 km, a bassa frequentazione, e dove il costo dell’energia è particolarmente contenuto».

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore