[hfcm id="2"]
skip to Main Content

Cosa anticipa Tabacci, gran tessitore, sul venturo governo Draghi

Tabacci

Per Tabacci il governo Draghi si farà quasi certamente e sarà un mix di tecnici e politici, sulla falsariga del governo Ciampi

C’è un uomo da tenere d’occhio in questo periodo, perché porta sulle sue gambe tutta l’esperienza della Prima Repubblica, che di simili rimpasti viveva quotidianamente. È il democristiano (oggi in Centro Democratico – Italiani in Europa) Bruno Tabacci, cui era già stato affidato nei giorni scorsi il compito di ricucire una maggioranza allargata a sostegno del Conte ter. Sempre Tabacci, ora, è al lavoro sulla compagine che dovrà sorreggere Mario Draghi.

COSA PREVEDE TABACCI

Il calendario delle consultazioni è partito, come di consueto, dai partiti più piccoli, tra questi proprio Centro Democratico – Italiani in Europa di Bruno Tabacci, con cui quasi certamente il presidente del Consiglio incaricato avrà scambiato confidenze proprio in tema di alleanze: se c’è qualcuno in grado di tirare i fili quello è Tabacci.

Leggi anche: Chi è Mario Draghi, l’uomo del «Whatever it takes» destinato a salvarci 2 volte

Per questo la sua opinione in merito è molto importante per capire se la legislatura è finita anzitempo o meno. “Io penso – ha detto Tabacci uscendo dall’incontro con Draghi – che il tentativo di Draghi andrà in porto, sono convinto anche che la sua saggezza lo porterà a considerare un mix intelligente e attento a radicare il governo nella maggioranza parlamentare, che mi auguro sia ampia, tenendo conto delle forze parlamentari in campo, con innesti che si chiamano di natura ‘tecnica’, anche se la responsabilità è sempre di natura politica”. In questo modo si disarmerebbero i 5 Stelle che, tanto per bocca di Giuseppe Conte, Luigi Di Maio e Vito Crimi continuano a chiedere un esecutivo “politico”.

Leggi anche: Chi vuole e chi respinge il governo Draghi

TABACCI MINISTRO DEL GOVERNO DRAGHI?

Particolarmente ottimista e sorridente, quasi radioso, il vecchio leone della politica ha aggiunto: “Le prossime ore dimostreranno che questo non è un semplice tentativo ma è la risposta di responsabilità che ci ha chiesto di assumere il presidente Mattarella”. E a chi gli ha chiesto se lui farà parte della squadra di governo, dato che è stato fatto spesso il suo nome come ministro per i Rapporti con il Parlamento: “Non posso rispondere neanche sotto tortura”.

Leggi anche: Perché nella crisi si sceglie il governo tecnico. Ripasso dei precedenti

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore