Insider

Così Brunetta col PNRR mira a sterilizzare le lobby

Brunetta lobby

Le riforme si faranno speditamente e le lobby saranno «rese impotenti» dal Piano appena approvato in Parlamento, promette Brunetta

Un PNRR per ricostruire il Paese, ma anche per silenziare le lobby. È quanto annuncia il ministro per la Funzione pubblica Renato Brunetta, intervistato dal giornalista economico del Corriere Federico Fubini. «Possiamo sciogliere questi egoismi grazie all’unità nazionale e al catalizzatore dei soldi. E questo nonostante le corporazioni e le lobby», annuncia.

LE LOBBY CATTIVE MESSE NEL MIRINO DI BRUNETTA

«Possiamo aprire una finestra di almeno 5 anni di riforme strutturali – spiega Brunetta -, sciogliendo nel Recovery tutti i grumi di interessi che bloccano il Paese. Giustizia, pubblica amministrazione, concorrenza, fisco. Sono tutte facce della stessa medaglia. Ma possiamo sciogliere questi egoismi grazie all’unità nazionale e al catalizzatore dei soldi. E questo nonostante le corporazioni e le lobby».

E al giornalista che gli chiede se col PNRR si scioglieranno anche le lobby, replica: «No, continuano a esserci. Ma sono rese impotenti. E questo fenomeno si chiama momento Italia. Ricordo tra l’altro che il 9 maggio inizia la Conferenza sul futuro dell’Europa e con Draghi possiamo giocare un ruolo centrale. La domanda è: dopo il momento Merkel, dove vogliamo andare?».

Ma Brunetta ora è al lavoro soprattutto sul decreto Semplificazioni che, come ricordavamo ieri, sarà essenziale per mettere a terra gli investimenti straordinari del Next Generation Eu: senza rischiano infatti di trovarsi davanti un collo di bottiglia fatto di autorizzazioni, controlli, legacci e vincoli burocratici. «Siamo quasi pronti – ha spiegato il titolare del dicastero della Funzione pubblica -, dobbiamo approvarlo entro metà maggio. È la madre di tutte le battaglie, innesco anche per le altre riforme. Ci stiamo lavorando da oltre due mesi con tutti i ministri. Io sto facendo istruttorie approfondite e non saranno misure una tantum, ma con cadenza annuale. Ovviamente non è semplice perché la complessità delle procedure non è mai frutto del caso. Ma occorre essere chiari: perdere questa occasione vuol dire non essere in grado di ripagare il debito pubblico accumulato per far fronte alla pandemia e perdere qualsiasi credibilità nei confronti dell’Europa e del mondo. Non potremmo mai perdonarcelo. Come ha ricordato il presidente Draghi, il nemico è la stupidità. Ora serve tutta l’intelligenza, individuale e collettiva, di cui siamo capaci».

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore