ccc Insider

Uso del contante, le misure (ipotetiche) alle quali sta lavorando il governo contro l’evasione fiscale

Cosa sta pensando il governo per combattere l’evasione fiscale. Cos’ha detto Conte e le misure allo studio

Continua...

ccc Italia

Dl fiscale, stop a polizze e conti correnti dormienti. E salta lo scudo anti-spread per le Bcc

Non dovranno più esistere conti correnti e polizze dormienti. È quanto stabilisce un emendamento al decreto fiscale, approvato dall’aula del Senato.

Continua...

ccc Italia

Maxi sconto per sanare le liti con il fisco. Torna scudo anti-spread per le Bcc

Un maxi sconto per chi vuole sanare le liti con il fisco. E’ quanto prevede un emendamento al decreto fiscale, approvato oggi dalla Commissione Finanze del Senato.

Secondo l’emendamento, lo sconto per chi ha vinto in primo grado passa dal 50% al 60% della somma dovuta. In questo modo sarà sufficiente pagare il 40%, senza interessi e sanzioni. Per chi ha vinto in secondo grado dopo aver perso nel primo grado di giudizio lo sconto sale dall’80% all’85% e, di conseguenza, sarà sufficiente versare il 15% dell’importo chiesto dall’erario. Chi ha vinto entrambi i primi due gradi di giudizio e attende la Cassazione potrà chiudere la partita versando solo il 5% della somma. Anche chi non è ancora arrivato in Tribunale potrà aderire alla sanatoria, versando il 90% di quanto dovuto, quindi con uno sconto del 10%. Sanzioni e interessi sono cancellati in tutti i casi.

Sempre dal punto di vista fiscale, il governo, ha annunciato il sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci, lavora a un ddl che conterrà tutte le norme sulla semplificazione contabile, fiscale, controbutiva e altri adempimenti di varia natura.

Nel dl fisco ci sono novità in vista anche per le Banche di credito cooperativo. Con un emendamento della Lega al dl Fiscale, riformulato dal relatore Emiliano Fenu (M5s), si punta ad ampliare la protezione già prevista per le assicurazioni anche per le banche di credito cooperativo. La norma era già stata proposta alla Camera, durante la messa a punto degli emendamenti alla manovra. La norma non fa un chiaro ed esplicito riferimento alla disciplina della sospensione temporanea delle minusvalenze nei titoli non durevoli, ma permette alle Bcc di utilizzare i principi contabili previsti dal dl Fisco, cioè quelli nazionali. Questa soluzione normativa – riferiscono fonti parlamentari – permetterà alle piccole banche di poter utilizzare lo ‘scudo’, a cui al momento possono accedere tutti i “soggetti che non adottano i principi contabili internazionali”.

Nel frattempo, la Ragioneria dello Stato stima un gettito di 1,3 miliardi di euro in arrivo dall’allargamento della pace fiscale alle irregolarità formali. I periodi d’imposta su cui si basa il calcolo sono tre, mentre i soggetti che potrebbero usufruire della sanatoria sono 2.250.000. Le entrate probabilmente si distribuiranno per il 60% nel 2019 (circa 810 milioni di euro) e il 40% nel 2020 (circa 540 milioni).

Continua...

ccc Italia

Autostrade. I concessionari dovranno investire anche dopo la scadenza della concessione. L’emendamento del M5S al dl fiscale

DL fiscale: i concessionari autostradali dovranno continuare a investire per “garantire il mantenimento o l’aumento degli standard di sicurezza” anche dopo che la concessione è scaduta, con incassi da pedaggio che devono rimaere fermi in attesa che si concluda l’assegnazione della nuova concessione. È quanto prevede un emendamento del relatore Emiliano Fenu (M5s) al decreto fiscale depositato in Commissione Finanze del Senato.

DL FISCALE: LE CONCESSIONI SCADUTE

La norma si applica alle concessioni scadute alla data di entrata in vigore del decreto convertito. Tra queste la Ativa (Torino-Quincinetto-Ivrea, sistema tangenziale di Torino), l’autostrada del Brennero e la A21 – Torino Piacenza. L’emendamento prevede che venga stipulato entro sei mesi un atto aggiuntivo con il concessionario uscente “senza riconoscimento di alcuna proroga dell’attuale scadenza della concessione” che preveda in attesa dello svolgimento della nuova gara “la progettazione e la realizzazione con procedura di evidenza pubblica, degli urgenti interventi necessari a garantire il mantenimento e/o l’aumento degli standard di sicurezza dell’infrastruttura autostradale”. L’atto aggiuntivo conterrà un piano economico finanziario “da porre a base di gara per l’affidamento della concessione” e che deve prevedere che i proventi annuali da pedaggio rimangano costanti per tutto il periodo concessorio. Eventuali maggiori introiti derivanti dai criteri fissati dall’Autorità dei Trasporti saranno versati al Ministero delle Infrastrutture per finanziare l’attività di controllo e di messa in sicurezza.

PROLUNGATA LA PACE FISCALE

Governo e relatore hanno presentato un pacchetto di emendamenti che prevede, tra l’altro, un allungamento della pace fiscale. Fino al 31 maggio 2019, è la proposta, i contribuenti potranno correggere errori od omissioni e integrare non più solo le dichiarazioni fiscali presentate entro il 31 ottobre 2017 ma anche quelle “tardive”, relative agli anni precedenti al 2017, presentate entro i 90 giorni successivi. Un emendamento prevede anche la possibilità di accedere alla definizione agevolata delle controversie anche in caso di accoglimento parziale del ricorso o, comunque, di soccombenza ripartita tra il contribuente e l’Agenzia delle entrate.

NOVITÀ SPORTIVA

In arrivo novità anche per il mondo dello sport: un emendamento del governo prevede il passaggio di competenza al Tar delle controversie sportive, incluso quelle calcistiche.

Continua...

ccc Italia

Cosa c’è dietro gli attacchi al Capo di Gabinetto del Mef Roberto Garofoli

Il Fatto Quotidiano, prima, e i 5 Stelle, poi, accusano il tecnico del ministero guidato da Tria di essere la “manina” dietro il dl fiscale, ma le tempistiche sembrano dire altro

Il caso che sembra scuotere il ponte di Ognissanti sembra riguardare il coinquilino di via XX Settembre, il Capo di Gabinetto Roberto Garofoli, riconfermato a sorpresa dopo essere stato già nello stesso ruolo con il Ministro Padoan durante i governi Renzi e Gentiloni.

PER IL FATTO QUOTIDIANO E’ L’UOMO DIETRO IL FINANZIAMENTO DA 84 MILIONI ALLA CROCE ROSSA IN LEGGE DI BILANCIO

Con un articolo pubblicato il 31 ottobre, infatti, il Fatto Quotidiano gli imputa di essere l’uomo dietro il finanziamento di 84 milioni alla Croce Rossa Italiana inserito nell’ultima bozza della legge di bilancio, finanziamento difeso dal Ministro Tria di fronte alla legittima richiesta di spiegazioni da parte del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Secondo la ricostruzione de Il Fatto Quotidiano, quegli 84 milioni – che nella realtà sarebbero stati richiesti dal Ministero della Salute per ovviare al pagamento dei TFR ai lavoratori dell’ente ora in liquidazione – rappresenterebbero la contropartita di Garofoli nei confronti della Croce Rossa Italiana per una vicenda riguardante un immobile del centro di Molfetta.

AL CENTRO DI TUTTO UNA CASA A MOLFETTA?

La famiglia di Garofoli aveva infatti acquistato nel 2006 un appartamento nella cittadina barese, immobile che per un sesto era però rimasto proprietà della Croce Rossa Italiana. Dopo una serie di contenziosi, le parti giungono finalmente ad un accordo nel dicembre del 2017, quando Garofoli versa 28mila euro all’ente per il “sesto mancante”, cifra ritenuta congrua da tutti gli uffici di controllo sia del Comune che della stessa Croce Rossa. A quel tempo – nel dicembre del 2017 – il governo guidato da Paolo Gentiloni era sulla via delle dimissioni in vista delle elezioni politiche del 4 marzo, e difficilmente l’allora Capo Gabinetto Garofoli poteva immaginare di essere richiamato a gestire, nello scorso giugno, la macchina del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Allo stesso modo, era difficile per Garofoli pensare di poter favorire l’inserimento di un articolo nella legge di bilancio del 2019. Ancora il Fatto Quotidiano ha continuato la sua offensiva oggi 1 novembre, contestando a Garofoli l’attività detenuta dalla moglie e dal padre, una casa editrice che svolge corsi specializzanti per giuristi, per il quale Garofoli aveva ricevuto regolare nulla osta proprio dal Consiglio di Stato, a cui lo stesso Capo Gabinetto aveva dato trasparenza dei fatti. In entrambi i casi, la tempistica delle accuse del Fatto Quotidiano può lasciare perplessi. E come spesso accade, gli umori della stampa anticipano quelli della politica: non è un caso che diversi Cinque Stelle, da Silvestri a Carabetta a Lannutti, abbiano attaccato duramente il Capo Gabinetto in queste ore.

FORTE LA VOGLIA DEI M5S DI TROVARE LA “MANINA”

Sembra insomma forte la voglia all’interno del Movimento di trovare, tra gli alti funzionari dei ministeri, quella “manina” di cui prima di tutti aveva parlato Luigi Di Maio per la questione riguardante i condoni, e che ora potrebbe materializzarsi proprio nella figura di Garofoli. Un modo per indebolire politicamente un Ministro, Tria, che più volte ha espresso la volontà di rispettare le regole di bilancio imposte dalla Commissione Europea.

Continua...

ccc Insider

Tap, decreto sicurezza, condono ad Ischia. Tutti i nodi al pettine di Luigi Di Maio

Il capo politico del M5S Luigi Di Maio, raggiunto da Policy Maker, minimizza. Ma la base (e alcuni parlamentari) rumoreggia. L’articolo di Alberto Ferrarese

Poco prima delle 13 Luigi Di Maio esce a piedi dal portone posteriore di Palazzo Chigi. Insieme a Pietro Dettori, uomo chiave del M5S molto vicino a Davide Casaleggio, attraversa piazza del Parlamento e si infila nel ristorante dove spesso si ferma a pranzo. È uno dei momenti più difficili da quando Di Maio è capo politico del Movimento 5 Stelle e vicepremier: la Puglia è in rivolta per il via libera al Tap, la base rumoreggia, tra i parlamentari aumentano le voci di chi chiede una correzione di rotta. All’uscita incrocia Policy Maker, ma dei 5 Stelle ha poca voglia di parlare. “Nulla di diverso da quello che succede sempre nel Movimento”, taglia corto. Ma la realtà è che i fronti aperti sono molti e lo stesso Beppe Grillo si è fatto sentire per avere informazioni. Questa sera Di Maio riunirà i gruppi, per tentare di ricompattare il suo esercito prima che entrino nel vivo i lavori parlamentari sugli atti più significativi dell’esecutivo Conte. “Il problema – spiega una fonte di governo M5S – è che non si tratta di difficoltà contingenti. La verità è che i nodi stanno venendo al pettine, sia all’interno del Movimento che nei rapporti con la Lega. E affrontarli ora, al governo, è molto complesso”.

TUTTA COLPA DEL TAP

Per il Movimento 5 Stelle la questione Tap è stata un bagno di sangue. Che bloccare l’opera fosse affare complicatissimo lo si sapeva da sempre, ma nonostante questo in campagna elettorale Alessandro Di Battista era arrivato a dire che “lo blocchiamo in 15 giorni”. E invece, alla fine dell’analisi costi-benefici che Conte cita sempre, è stato detto che la marcia indietro non si può fare. “Abbiamo sbagliato – ammette un pentastellato -. Ci siamo fatti travolgere dalla rabbia senza governare le prevedibili proteste. Da un giorno all’altro siamo passati dal dire ‘lo possiamo fermare’ a essere completamente spariti. La comunicazione non ha funzionato: avremmo dovuto preparare il terreno. La reazione ci sarebbe stata comunque, ma forse sarebbe stata meno potente”. Per questo, sulla Tav, si cerca di non ripetere lo stesso errore. In questa direzione vanno l’atto approvato ieri dal Consiglio comunale di Torino, ma anche le dichiarazioni di Danilo Toninelli e Di Maio, che puntano a trattare con la Francia. L’obiettivo è che se non si potrà fermare l’opera, almeno si dovrà mostrare di aver fatto tutto il possibile.

IN ATTESA DEL 5 NOVEMBRE

In questa situazione di difficoltà si avvicinano alcune scadenze delicatissime in Parlamento, dove domani arriverà la Manovra. Le difficoltà principali potrebbero riguardare il decreto sicurezza, in aula al Senato dal 5 novembre. Matteo Salvini ha chiesto garanzie che non ci siano scherzi su un provvedimento che per il Carroccio è fondamentale. A Palazzo Madama i giallo-verdi sono 6 voti sopra la maggioranza assoluta. I ‘dissidenti’ sono quattro: Gregorio De Falco, Elena Fattori, Matteo Mantero e Paola Nugnes, che ha già annunciato il suo voto contrario. Ma i ‘malpancisti’ secondo fonti pentastellate, potrebbero essere una decina, che potrebbero magari venire fuori nel voto segreto sull’eventuale (e possibile) voto di fiducia. L’approvazione del dl non sarebbe a rischio, anche perchè arriverebbe il soccorso di Fratelli d’Italia, ma la sconfitta politica sarebbe bruciante.

INFINE IL DL FISCALE

E poi c’è la questione del decreto fiscale. Di Maio cerca una tregua con Carla Ruocco che la scorsa settimana, insieme al senatore Elio Lannutti, aveva dato voce al dissenso, chiedendo di cancellare quelle norme che non sono in linea con i “valori” originari del Movimento. Come segno di buona volontà il capo politico del Movimento sostiene per la presidenza della Consob Marcello Minenna, caldeggiato dalla stessa Ruocco. Ma non è detto che basti, anche perché tra dl fiscale, manovra e collegati i punti di tensione con gli alleati leghisti possono essere molteplici.

Sullo sfondo c’è poi la data del 10 novembre, giorno della sentenza nel processo a carico di Virginia Raggi. Se la sindaca fosse condannata e si dimettesse, si aprirebbe un nuovo, grave, problema politico nel Movimento e forse anche nel rapporto con la Lega.

Continua...

ccc Italia

Manovra, ecco la lettera di Giovanni Tria all’Europa

“Il Governo italiano è cosciente di aver scelto una impostazione della politica di bilancio non in linea con le norme applicative del Patto di Stabilità e crescita”. E’ questo il punto centrale della lettera che il Ministro dell’Economia Giovanni Tria ha inviato alla Commissione Europea, per rispondere alla critiche di quest’ultima alla manovra economica del Governo Lega – M5S.

“E’ stata una scelta difficile ma necessaria – prosegue il Ministro Giovanni Tria – alla luce del persistente ritardo nel recuperare i livell di PIL pre-crisi e delle drammatiche condizioni economiche in cui si trovano gli strati più svantaggiati della società italiana”.

 

Ecco il testo completo della lettera di Giovanni Tria all’Europa

Gentile Vice Presidente, Gentile Commissario,
in relazione alla vostra lettera indirizzatami il 18 ottobre 2018 nella quale chiedete chiarimenti in merito al Documento Programmatico di Bilancio (DPB) inviato dal Governo all’inizio della scorsa settimana osservo quanto segue.
Nella vostra lettera sollevate tre questioni: la deviazione del saldo strutturale rispetto a quanto prescritto dal Patto di Stabilità e Crescita, la possibile necessità di una revisione delle conclusioni del vostro più recente Rapporto ai sensi dell’articolo 126(3) del TFUE relativo alla regola di riduzione del debito pubblico e la mancata validazione delle previsioni macroeconomiche da parte dell’Ufficio parlamentare di bilancio.
Per quanto riguarda il sentiero del saldo strutturale, il Governo italiano è cosciente di aver scelto un’impostazione della politica di bilancio non in linea con le norme applicative del Patto di Stabilità e Crescita. È stata una decisione difficile ma necessaria alla luce del persistente ritardo nel recuperare i livelli di PIL pre-crisi e delle drammatiche condizioni economiche in cui si trovano gli strati più svantaggiati della società italiana. Il Governo intende inoltre attuare le parti qualificanti del programma economico e sociale su cui ha ottenuto la fiducia del Parlamento italiano. La Nota di Aggiornamento del Documento di Economia e Finanza, e la Relazione al Parlamento a esso allegata, chiariscono che il Governo prevede di discostarsi dal sentiero di aggiustamento strutturale nel 2019 ma non intende espandere ulteriormente il deficit strutturale nel biennio successivo e si impegna a ricondurre il saldo strutturale verso l’obiettivo di medio termine a partire dal 2022. Qualora il PIL dovesse ritornare al livello pre-crisi prima del previsto, il Governo intende anticipare il percorso di rientro.
Quanto sopra esposto rileva anche in merito alla regola del debito”. Il Governo considera le condizioni macroeconomiche e sociali attuali particolarmente insoddisfacenti a un decennio dall’inizio della crisi e reputa necessario imprimere un’accelerazione alla crescita. La dinamica del PIL è ovviamente cruciale quando si valutano gli sviluppi del rapporto debito/PIL. Inoltre, va sottolineato il calo significativo di tale rapporto previsto per il prossimo triennio, a differenza di quanto sperimentato dalle finanze pubbliche italiane nell’ultimo decennio. Tale evoluzione è frutto delle misure a favore della crescita che verranno introdotte con la prossima legge di bilancio. Tra queste il rilancio degli investimenti pubblici che godrà non solo di maggiori risorse finanziarie ma di semplificazioni normative e di nuovi strumenti di capacity building che faciliteranno la loro esecuzione in tempi brevi.
Infine, in merito alle previsioni macroeconomiche programmatiche e alla mancata validazione da parte dell’Ufficio parlamentare di bilancio (UPB), va ricordato che la legislazione italiana (Articolo 18, comma 3, Legge n. 243/2012) prevede che in caso di non validazione del quadro macroeconomico da parte dell’UPB il Governo sia tenuto ad adeguarsi alle previsioni dell’UPB o a spiegare le ragioni che lo inducono a confermare le proprie previsioni (conformità o spiegazione). A seguito della mancata validazione da parte dell’UPB il Governo ha quindi spiegato in Parlamento i motivi per cui si è ritenuto opportuno confermare le previsioni contenute nella Nota di aggiornamento. Va ricordato, in ogni caso, che la Commissione europea, con il Rapporto del 22 febbraio 2017, non sembra aver contestato la correttezza di questa procedura.
Venendo al merito delle previsioni, in primo luogo va evidenziato che le previsioni a legislazione vigente sono state validate dall’UPB. Il dissenso è circoscritto, pertanto, alla valutazione dell’impatto della manovra di bilancio sulla crescita. In termini aggregati, a fronte di una legge di bilancio che fa aumentare il deficit di 1,2 punti percentuali un impatto sulla crescita pari a 0,6 punti percentuali è del tutto in linea con le stime usuali dei moltiplicatori di bilancio. In questo contesto si evidenziano due elementi cruciali sollevati dall’UPB: gli investimenti pubblici e i rendimenti sui titoli pubblici.
Con riferimento agli investimenti pubblici il DPB prevede che questi aumentino di 0,2 punti percentuali di PIL nel 2019 e di 0,3 punti percentuali all’anno a partire dal 2020. E questo un tratto qualificante della manovra di bilancio che verrà attuato con misure concrete in grado di superare i limiti che finora hanno frenato gli investimenti, quali l’istituzione di una centrale di supporto alla progettazione, operativa a livello nazionale, e la semplificazione del codice degli appalti. La “Centrale per la progettazione delle opere pubbliche” offrirà, sia alle amministrazioni centrali sia a quelle locali, servizi e assistenza tecnica, mentre la riforma del codice degli appalti permetterà di realizzare le opere pubbliche nel rispetto delle regole e in tempi più rapidi e certi. Il Governo ritiene che tali innovazioni consentiranno alle imprese pubbliche e private, che investono nelle infrastrutture, di procedere più speditamente e di incrementare i loro piani di investimento. Più in generale il rilancio degli investimenti pubblici e la modernizzazione delle infrastrutture determineranno un aumento dei rendimenti degli investimenti privati e dunque del loro ammontare.
Per quanto riguarda i rendimenti sui titoli pubblici, lo scenario programmatico del DPB assume tassi di rendimento sui titoli di Stato inferiori a quelli riscontrati sul mercato negli ultimi giorni ma coerenti con i livelli registrati all’atto della chiusura delle stime. Nello scenario programmatico sono stati infatti indicati livelli di rendimento lievemente più elevati rispetto allo scenario tendenziale per tener conto degli sviluppi di mercato che sono nel frattempo intervenuti.
Il Governo è dunque fiducioso di poter far ripartire gli investimenti e la crescita del PIL e che il recente rialzo dei rendimenti sui titoli pubblici verrà riassorbito quando gli investitori conosceranno tutti i dettagli delle misure previste dalla legge di bilancio.
Da ultimo si rileva che le grandezze del quadro di finanza pubblica programmatico sono calcolate applicando gli effetti della manovra alle proiezioni dello scenario tendenziale e, poiché non si includono effetti di retroazione, non sono direttamente influenzate dalle stime di maggiore crescita del PIL. Pertanto, le valutazioni riguardanti gli effetti della manovra di bilancio non comportano una sottostima del livello dell’indebitamento netto programmatico, che comunque è il limite superiore autorizzato dal Parlamento.
Ad oggi il dibattito pubblico sulla legge di bilancio si è limitato alla consistenza dei numeri e degli indicatori e non ha ancora fatto emergere le riforme strutturali che formeranno parte integrante della legge di bilancio e dei disegni di legge ad essa collegati e che avranno un impatto significativo sulla percezione e sui comportamenti dei cittadini, delle imprese e degli investitori. In particolare verranno approvate misure volte a creare un ambiente favorevole agli investimenti quali: la semplificazione dei procedimenti amministrativi e in particolare di quelli rilevanti per le iniziative economiche delle imprese, la digitalizzazione della pubblica amministrazione, la rivisitazione del codice dei contratti pubblici, la riforma del codice civile e in particolare del diritto contrattuale, lo snellimento della procedura civile e la riduzione dei tempi dei processi. Gli interventi già posti in essere in tema di semplificazione fiscale, di anticorruzione e di trasparenza nel finanziamento ai partiti e agli enti collegati, e le misure in tema di fatturazione elettronica e trasmissione elettronica dei corrispettivi, oltre ad aumentare il tasso di legalità, ridurranno in maniera significativa l’evasione fiscale. Il Governo è convinto che l’insieme di queste misure permetterà il rilancio della crescita, assicurando al contempo la sostenibilità di lungo periodo delle finanze pubbliche e la programmata riduzione del rapporto debito/PIL.
Al riguardo, qualora i rapporti debito/PIL e deficit/PIL non dovessero evolvere in linea con quanto programmato, il Governo si impegna a intervenire adottando tutte le necessarie misure affinché gli obiettivi indicati siano rigorosamente rispettati.
Il Governo è fiducioso che quanto esposto sia sufficiente a chiarire l’impostazione della manovra di bilancio e che quest’ultima non esponga a rischi la stabilità finanziaria dell’Italia, né degli altri paesi membri dell’Unione Europea. Riteniamo, infatti, che il
rafforzamento dell’economia italiana sia anche nell’interesse dell’intera economia europea.
Pur riconoscendo la differenza delle rispettive valutazioni, il Governo italiano continuerà nel dialogo costruttivo e leale così come disciplinato dalle regole istituzionali che governano l’Area Euro. Il posto dell’Italia è in Europa e nell’area Euro.
Cordiali saluti, Giovanni Tria

La lettera del Ministro Giovanni Tria all’UE

Continua...

ccc Italia

Dl fiscale, ecco l’ultima bozza. Nodo pace fiscale tra Lega e M5s

In corso il vertice a Palazzo Chigi per sciogliere il nodo della pace fiscale in vista del cdm di questa sera. Ecco l’ultima bozza del dl fiscale visionata da Policy Maker.

Mentre è in corso a palazzo Chigi il vertice collegiale sulla manovra con il premier Giuseppe Conte, il ministro dell’Economia Giovanni Tria e i due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, resta ancora da sciogliere il nodo sul decreto fiscale riguardante gli interventi per la pace fiscale. Nella trattativa tra M5s e Lega in vista del Cdm il problema rimane lo  strumento da utilizzare: per la Lega è necessario che i contribuenti possano scontare non solo sanzioni e interessi ma anche il capitale, ovvero l’imposta dovuta (al 15% o al 25%). I pentastellati puntano invece a rafforzare il ravvedimento che consente di non pagare sanzioni e interessi ma senza scontare l’imposta.

Tra le novità contenute nell’ultima bozza che Policy Maker ha visionato ci sono: lo stanziamento di 50.000 euro l’anno in piu’ dal 2019 per la “completa realizzazione e la gestione evolutiva dell’Anagrafe nazionale vaccini” al fine di “raccogliere in modo uniforme sull’intero territorio nazionale mediante le anagrafi vaccinali regionali i dati da inserire nell’Anagrafe nazionale vaccini”. In totale sono stanziati 2 milioni di euro per il 2018 e 500.000 euro annui dal 2019.
Viene inoltre vietata ai governatori di essere anche commissari straordinari per la Sanita’ che diventano incompatibili. Infine arrivano 130 milioni in piu’ nel 2018 per le missioni internazionali.

(Qui il testo completo della bozza).

Continua...

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore