ccc Dal mondo

Da maggio telefonare in Europa costerà meno

Il Parlamento europeo ha dato il via libera definitivo al pacchetto telecomunicazioni che oltre a fissare un tetto per le chiamate, rende possibili le reti 5G per il 2020 e crea un sistema per le emergenze.

Continua...

ccc Dal mondo

Paradise Papers: Ue interviene su agevolazioni fiscali per yacht e aerei di Italia e Gb

Secondo Bruxelles, misure di questo tipo “possono creare gravi distorsioni della concorrenza”

Continua...

ccc Fact Checking

Ecco perché l’Italia può recuperare l’Ici dalla Chiesa

Secondo le stime dell’Anci la cifra si aggirerebbe attorno ai 4-5 miliardi di euro, circa 600-800 milioni annui.

Lo Stato italiano deve recuperare l’Ici non pagata dalla Chiesa. Lo hanno stabilito i giudici della Corte di giustizia dell’Unione europea, annullando la decisione della Commissione del 2012 e la sentenza del Tribunale Ue del 2016 sulla base delle quali veniva sancita “l’impossibilità di recupero dell’aiuto a causa di difficoltà organizzative” nei confronti degli enti non commerciali, come scuole, cliniche e alberghi. I giudici hanno ritenuto, infatti, che tali circostanze costituiscano solo “difficoltà interne” dell’Italia.

COME NASCE LA DECISIONE

Con decisione del 19 dicembre 2012, la Commissione ha dichiarato che l’esenzione dall’imposta comunale sugli immobili (“ICI”) concessa dall’Italia agli enti non commerciali (come gli istituti scolastici o religiosi) che svolgevano, negli immobili in loro possesso, determinate attività (quali le attività scolastiche o alberghiere) costituiva un aiuto di Stato illegale. La Commissione non ne ha tuttavia ordinato il recupero, ritenendolo assolutamente impossibile. E ha affermato, che l’esenzione fiscale prevista dal nuovo regime italiano dell’imposta municipale unica (Imu), applicabile in Italia dal 1° gennaio 2012, non costituiva un aiuto di Stato. L’istituto d’insegnamento privato Scuola Elementare Maria Montessori e Pietro Ferracci, proprietario di un “bed & breakfast”, avevano chiesto al Tribunale dell’Unione europea di annullare tale decisione lamentando, in particolare, una situazione di svantaggio concorrenziale rispetto agli enti ecclesiastici o religiosi situati nelle immediate vicinanze che esercitavano attività simili alle loro e potevano beneficiare delle esenzioni fiscali. Bruxelles, dal canto suo, ha obiettato che né la Scuola Montessori né Ferracci soddisfacevano le condizioni per rivolgersi ai giudici dell’Unione, previste dall’articolo 263 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea. Tanto che, con sentenze del 15 settembre 2016, il Tribunale aveva dichiarato i ricorsi ricevibili, ma li aveva respinti in quanto infondati.

LA SENTENZA DI OGGI

Da qui nascono le impugnazioni della Scuola Montessori e della Commissione Ue. Con la sentenza di oggi, la Corte di giustizia ha di fatto esaminato per la prima volta la questione della ricevibilità – sulla base dell’articolo 263, quarto comma, terza parte di frase, TFUE – dei ricorsi diretti proposti dai beneficiari di un regime di aiuti di Stato contro la decisione dell’esecutivo Ue e dell’aiuto di Stato. Sul merito della causa, la Corte ha ricordato che l’adozione dell’ordine di recupero di un aiuto illegale “è la logica e normale conseguenza dell’accertamento della sua illegalità”. Ma che è altrettanto vero però che la Commissione “non può imporre il recupero dell’aiuto qualora ciò sia in contrasto con un principio generale del diritto dell’Unione”, come quello secondo cui “ad impossibilia nemo tenetur” (“nessuno è tenuto all’impossibile”). Tuttavia, la Corte ha sottolineato che un recupero di aiuti illegali può essere considerato, in maniera obiettiva e assoluta, impossibile da realizzare unicamente quando la Commissione accerti, dopo un esame minuzioso, che sono soddisfatte due condizioni, vale a dire, da un lato, l’esistenza delle difficoltà addotte dallo Stato membro interessato e, dall’altro, l’assenza di modalità alternative di recupero. Nel caso di specie, quindi, la Commissione non poteva riscontrare l’impossibilità assoluta di recuperare gli aiuti illegali limitandosi a rilevare che era impossibile ottenere le informazioni necessarie per il recupero di tali aiuti attraverso le banche dati catastali e fiscali italiane, ma avrebbe dovuto anche esaminare se esistessero modalità alternative che ne consentissero un recupero, anche solo parziale. In mancanza di un’analisi siffatta, la Commissione non ha dimostrato l’impossibilità assoluta di recupero dell’ICI. Per tale ragione, la Corte ha annullato la sentenza del Tribunale nella parte in cui convalidava la decisione della Commissione di non ordinare il recupero dell’aiuto illegale concesso con l’esenzione dall’ICI e annulla, di conseguenza, la decisione della Commissione. La Corte ritiene, inoltre, che il Tribunale non abbia commesso errori di diritto dichiarando che l’esenzione dall’IMU, che non si estendeva ai servizi didattici forniti dietro remunerazione, non si applicava ad attività economiche e non poteva pertanto essere considerata un aiuto di Stato. A tale riguardo, la Corte richiama la propria giurisprudenza secondo cui le esenzioni fiscali in materia immobiliare possono costituire aiuti di Stato vietati se e nei limiti in cui le attività svolte nei locali in questione siano attività economiche.

LE STIME PARLANO DI 4-5 MILIARDI DA RECUPERARE

Nel 2010 anche l’Antitrust dell’Unione aveva aperto un’indagine a seguito di una serie di denunce, tra cui quella presentata dalla scuola Montessori. Affermando che il sistema italiano di esenzioni all’Ici concesse a enti non commerciali per scopi specifici tra il 2006 e il 2011 era incompatibile con le regole Ue sugli aiuti di Stato, in quanto conferiva di fatto un vantaggio selettivo alle attività commerciali svolte negli immobili di proprietà della Chiesa. Nel 2012, il governo Monti decise di abbandonare l’Ici per l’Imu introducendo esenzioni per gli immobili della Chiesa dove non venivano svolte attività economiche. In quell’occasione, la Commissione europea riconobbe all’Italia le ragioni sulla “assoluta impossibilità” di recuperare il dovuto per il 2006-2011, che stando alle stime dell’Anci, sarebbe stato pari a circa 4-5 miliardi di euro, circa 600-800 milioni annui.

Continua...

ccc Italia

Un’altra lettera da Bruxelles sui conti italiani

“Il debito pubblico italiane rimane una vulnerabilità cruciale” e “fonte di preoccupazione per l’area euro”

La Commissione Europea ha inviato al ministero dell’Economia e delle Finanze una nuova lettera (qui il testo) in cui chiede di fornire lumi sul debito italiano e sul “netto contrasto” tra l’espansione di bilancio prevista per il 2019 e “l’aggiustamento di bilancio raccomandato dal Consiglio”.

MEF: SI TRATTA DI UNA “RELAZIONE SUI COSIDDETTI ‘FATTORI RILEVANTI’

Come spiega lo stesso Mef si tratta di una “relazione sui cosiddetti ‘fattori rilevanti’ che possano giustificare un andamento del rapporto Debito/Pil con una riduzione meno marcata di quella richiesta”. Tale relazione, prevista nelle procedure che governano la regola del debito, “dovrà essere trasmessa entro il prossimo 13 novembre”. La lettera che chiede chiarimenti, “pervenuta al Mef anche negli anni passati – ricorda il dicastero -, giunge a seguito della ‘opinione’ sul Documento Programmatico di Bilancio (DPB) 2019 adottata dalla Commissione il 23 ottobre scorso. La risposta del Mef, alla luce della quale si giustificherà la traiettoria di discesa del rapporto Debito/PIL indicata nel DPB, sarà inviata a Bruxelles rispettando la scadenza indicata”.

“IL DEBITO PUBBLICO ITALIANE RIMANE UNA VULNERABILITÀ CRUCIALE” E “FONTE DI PREOCCUPAZIONE PER L’AREA EURO”

Ma cosa c’è scritto esattamente? “Il debito pubblico italiane rimane una vulnerabilità cruciale” e un “debito pubblico così elevato limita lo spazio di manovra del governo per spese più produttive a beneficio dei suoi cittadini. Date le dimensioni dell’economia italiana, è anche fonte di preoccupazione per l’area euro nel suo complesso”. “L’Italia ha notificato a Eurostat un debito lordo delle amministrazioni pubbliche per il 2017 pari al 131,2% del Pil, confermando così che l’Italia non ha compiuto progressi sufficienti verso il rispetto del parametro di riferimento relativo all’adeguamento del rapporto debito/Pil nel 2017”. Non solo. “Il Dpb 2019 prevede una leggera diminuzione del rapporto debito/pil dal 131,2% del Pil nel 2017 al 130,9% nel 2018 e al 130,0% nel 2019. La diminuzione del rapporto debito/pil è poi attesa continuare, fino al 126,7% del Pil nel 2021. Nonostante la riduzione prevista del rapporto debito/pil, non si prevede che l’Italia soddisfi ‘prima facie’ il parametro di riferimento relativo all’adeguamento del rapporto debito/pil nel 2018 e nel 2019″ sulla base del documento programmatico di bilancio presentato dal governo italiano”. In sostanza, dunque, “questa traiettoria di bilancio, unita ai rischi al ribasso per la crescita del Pil nominale – si legge – sarà incompatibile con la necessità di ridurre in maniera risoluta il rapporto debito/Pil dell’Italia”.

LA PRECEDENTE LETTERA UE

La lettera ribadisce, di fatto, quanto già scritto dalla Commissione Ue nella prima valutazione alla manovra italiana quando riscontrò un’inosservanza “particolarmente grave della raccomandazione in materia di bilancio” aggiungendo che “un’espansione fiscale vicina all’1% del Pil”, mentre il Consiglio aveva raccomandato un aggiustamento di bilancio, “e le dimensioni della deviazione (un divario dell’1,4 % circa del Pil pari a 25 miliardi di euro)” non trovavano riscontro “nella storia del patto di stabilità e crescita”.

CONTE RIBADISCE IL 2,4% NEL RAPPORTO DEFICIT/PIL

Il premier Giuseppe Conte ha però ribadito per l’ennesima volta l’intenzione di non cambiare una virgola del testo. Durante il vertice di ieri a palazzo Chigi con il ministro dell’economia Giovanni Tria, i sottosegretari Massimo Garavaglia e Laura Castelli, e i tecnici del Mef per chiudere definitivamente il testo è stata confermata l’impostazione del 2,4% nel rapporto deficit/Pil. Mentre oggi il ministro Tria ha incontrato a Berlino il suo omologo tedesco Olaf Scholz. Al centro delle discussioni la preparazione della riunione dei Ministri Finanziari dell’Eurogruppo e dell’Ecofin che si terrà la settimana prossima a Bruxelles ma soprattutto la manovra di bilancio italiana: il Ministro Tria ne ha spiegato “la logica economica, che è puntata sulla crescita per ridurre il debito del Paese”.

Continua...

ccc Insider

Nel prossimo Cdm la ratifica dell’accordo Italia-Ue sui rifiuti radioattivi

Il testo riguarda i “principi governanti le responsabilità di gestione del sito del Centro comune di ricerca di Ispra” stipulato a Bruxelles il 27 novembre del 2009. Il testo dello schema di disegno di legge

Continua...

ccc Italia

Perché è un po’ truccata la partita fra Roma e Bruxelles sui conti

I graffi di Damato

Continua...

ccc Italia

Bruxelles boccia la manovra italiana. Le ragioni Ue

L’Italia dovrà presentare il documento programmatico di bilancio riveduto entro tre settimane dall’adozione del parere

Continua...

ccc Italia

Manovra, ecco la lettera di Giovanni Tria all’Europa

“Il Governo italiano è cosciente di aver scelto una impostazione della politica di bilancio non in linea con le norme applicative del Patto di Stabilità e crescita”. E’ questo il punto centrale della lettera che il Ministro dell’Economia Giovanni Tria ha inviato alla Commissione Europea, per rispondere alla critiche di quest’ultima alla manovra economica del Governo Lega – M5S.

“E’ stata una scelta difficile ma necessaria – prosegue il Ministro Giovanni Tria – alla luce del persistente ritardo nel recuperare i livell di PIL pre-crisi e delle drammatiche condizioni economiche in cui si trovano gli strati più svantaggiati della società italiana”.

 

Ecco il testo completo della lettera di Giovanni Tria all’Europa

Gentile Vice Presidente, Gentile Commissario,
in relazione alla vostra lettera indirizzatami il 18 ottobre 2018 nella quale chiedete chiarimenti in merito al Documento Programmatico di Bilancio (DPB) inviato dal Governo all’inizio della scorsa settimana osservo quanto segue.
Nella vostra lettera sollevate tre questioni: la deviazione del saldo strutturale rispetto a quanto prescritto dal Patto di Stabilità e Crescita, la possibile necessità di una revisione delle conclusioni del vostro più recente Rapporto ai sensi dell’articolo 126(3) del TFUE relativo alla regola di riduzione del debito pubblico e la mancata validazione delle previsioni macroeconomiche da parte dell’Ufficio parlamentare di bilancio.
Per quanto riguarda il sentiero del saldo strutturale, il Governo italiano è cosciente di aver scelto un’impostazione della politica di bilancio non in linea con le norme applicative del Patto di Stabilità e Crescita. È stata una decisione difficile ma necessaria alla luce del persistente ritardo nel recuperare i livelli di PIL pre-crisi e delle drammatiche condizioni economiche in cui si trovano gli strati più svantaggiati della società italiana. Il Governo intende inoltre attuare le parti qualificanti del programma economico e sociale su cui ha ottenuto la fiducia del Parlamento italiano. La Nota di Aggiornamento del Documento di Economia e Finanza, e la Relazione al Parlamento a esso allegata, chiariscono che il Governo prevede di discostarsi dal sentiero di aggiustamento strutturale nel 2019 ma non intende espandere ulteriormente il deficit strutturale nel biennio successivo e si impegna a ricondurre il saldo strutturale verso l’obiettivo di medio termine a partire dal 2022. Qualora il PIL dovesse ritornare al livello pre-crisi prima del previsto, il Governo intende anticipare il percorso di rientro.
Quanto sopra esposto rileva anche in merito alla regola del debito”. Il Governo considera le condizioni macroeconomiche e sociali attuali particolarmente insoddisfacenti a un decennio dall’inizio della crisi e reputa necessario imprimere un’accelerazione alla crescita. La dinamica del PIL è ovviamente cruciale quando si valutano gli sviluppi del rapporto debito/PIL. Inoltre, va sottolineato il calo significativo di tale rapporto previsto per il prossimo triennio, a differenza di quanto sperimentato dalle finanze pubbliche italiane nell’ultimo decennio. Tale evoluzione è frutto delle misure a favore della crescita che verranno introdotte con la prossima legge di bilancio. Tra queste il rilancio degli investimenti pubblici che godrà non solo di maggiori risorse finanziarie ma di semplificazioni normative e di nuovi strumenti di capacity building che faciliteranno la loro esecuzione in tempi brevi.
Infine, in merito alle previsioni macroeconomiche programmatiche e alla mancata validazione da parte dell’Ufficio parlamentare di bilancio (UPB), va ricordato che la legislazione italiana (Articolo 18, comma 3, Legge n. 243/2012) prevede che in caso di non validazione del quadro macroeconomico da parte dell’UPB il Governo sia tenuto ad adeguarsi alle previsioni dell’UPB o a spiegare le ragioni che lo inducono a confermare le proprie previsioni (conformità o spiegazione). A seguito della mancata validazione da parte dell’UPB il Governo ha quindi spiegato in Parlamento i motivi per cui si è ritenuto opportuno confermare le previsioni contenute nella Nota di aggiornamento. Va ricordato, in ogni caso, che la Commissione europea, con il Rapporto del 22 febbraio 2017, non sembra aver contestato la correttezza di questa procedura.
Venendo al merito delle previsioni, in primo luogo va evidenziato che le previsioni a legislazione vigente sono state validate dall’UPB. Il dissenso è circoscritto, pertanto, alla valutazione dell’impatto della manovra di bilancio sulla crescita. In termini aggregati, a fronte di una legge di bilancio che fa aumentare il deficit di 1,2 punti percentuali un impatto sulla crescita pari a 0,6 punti percentuali è del tutto in linea con le stime usuali dei moltiplicatori di bilancio. In questo contesto si evidenziano due elementi cruciali sollevati dall’UPB: gli investimenti pubblici e i rendimenti sui titoli pubblici.
Con riferimento agli investimenti pubblici il DPB prevede che questi aumentino di 0,2 punti percentuali di PIL nel 2019 e di 0,3 punti percentuali all’anno a partire dal 2020. E questo un tratto qualificante della manovra di bilancio che verrà attuato con misure concrete in grado di superare i limiti che finora hanno frenato gli investimenti, quali l’istituzione di una centrale di supporto alla progettazione, operativa a livello nazionale, e la semplificazione del codice degli appalti. La “Centrale per la progettazione delle opere pubbliche” offrirà, sia alle amministrazioni centrali sia a quelle locali, servizi e assistenza tecnica, mentre la riforma del codice degli appalti permetterà di realizzare le opere pubbliche nel rispetto delle regole e in tempi più rapidi e certi. Il Governo ritiene che tali innovazioni consentiranno alle imprese pubbliche e private, che investono nelle infrastrutture, di procedere più speditamente e di incrementare i loro piani di investimento. Più in generale il rilancio degli investimenti pubblici e la modernizzazione delle infrastrutture determineranno un aumento dei rendimenti degli investimenti privati e dunque del loro ammontare.
Per quanto riguarda i rendimenti sui titoli pubblici, lo scenario programmatico del DPB assume tassi di rendimento sui titoli di Stato inferiori a quelli riscontrati sul mercato negli ultimi giorni ma coerenti con i livelli registrati all’atto della chiusura delle stime. Nello scenario programmatico sono stati infatti indicati livelli di rendimento lievemente più elevati rispetto allo scenario tendenziale per tener conto degli sviluppi di mercato che sono nel frattempo intervenuti.
Il Governo è dunque fiducioso di poter far ripartire gli investimenti e la crescita del PIL e che il recente rialzo dei rendimenti sui titoli pubblici verrà riassorbito quando gli investitori conosceranno tutti i dettagli delle misure previste dalla legge di bilancio.
Da ultimo si rileva che le grandezze del quadro di finanza pubblica programmatico sono calcolate applicando gli effetti della manovra alle proiezioni dello scenario tendenziale e, poiché non si includono effetti di retroazione, non sono direttamente influenzate dalle stime di maggiore crescita del PIL. Pertanto, le valutazioni riguardanti gli effetti della manovra di bilancio non comportano una sottostima del livello dell’indebitamento netto programmatico, che comunque è il limite superiore autorizzato dal Parlamento.
Ad oggi il dibattito pubblico sulla legge di bilancio si è limitato alla consistenza dei numeri e degli indicatori e non ha ancora fatto emergere le riforme strutturali che formeranno parte integrante della legge di bilancio e dei disegni di legge ad essa collegati e che avranno un impatto significativo sulla percezione e sui comportamenti dei cittadini, delle imprese e degli investitori. In particolare verranno approvate misure volte a creare un ambiente favorevole agli investimenti quali: la semplificazione dei procedimenti amministrativi e in particolare di quelli rilevanti per le iniziative economiche delle imprese, la digitalizzazione della pubblica amministrazione, la rivisitazione del codice dei contratti pubblici, la riforma del codice civile e in particolare del diritto contrattuale, lo snellimento della procedura civile e la riduzione dei tempi dei processi. Gli interventi già posti in essere in tema di semplificazione fiscale, di anticorruzione e di trasparenza nel finanziamento ai partiti e agli enti collegati, e le misure in tema di fatturazione elettronica e trasmissione elettronica dei corrispettivi, oltre ad aumentare il tasso di legalità, ridurranno in maniera significativa l’evasione fiscale. Il Governo è convinto che l’insieme di queste misure permetterà il rilancio della crescita, assicurando al contempo la sostenibilità di lungo periodo delle finanze pubbliche e la programmata riduzione del rapporto debito/PIL.
Al riguardo, qualora i rapporti debito/PIL e deficit/PIL non dovessero evolvere in linea con quanto programmato, il Governo si impegna a intervenire adottando tutte le necessarie misure affinché gli obiettivi indicati siano rigorosamente rispettati.
Il Governo è fiducioso che quanto esposto sia sufficiente a chiarire l’impostazione della manovra di bilancio e che quest’ultima non esponga a rischi la stabilità finanziaria dell’Italia, né degli altri paesi membri dell’Unione Europea. Riteniamo, infatti, che il
rafforzamento dell’economia italiana sia anche nell’interesse dell’intera economia europea.
Pur riconoscendo la differenza delle rispettive valutazioni, il Governo italiano continuerà nel dialogo costruttivo e leale così come disciplinato dalle regole istituzionali che governano l’Area Euro. Il posto dell’Italia è in Europa e nell’area Euro.
Cordiali saluti, Giovanni Tria

La lettera del Ministro Giovanni Tria all’UE

Continua...

ccc Italia

Ecco la lettera dell’Europa contro la manovra del governo

La manovra italiana presenta una deviazione “senza precedenti” nella storia del Patto di Stabilità e Crescita. Non lascia dubbi sul pensiero della Commissione Ue la lettera inviata dal vicepresidente della  Commissione, Valdis Dombrovskis, e dal commissario agli Affari  economici, Pierre Moscovici, al ministro dell’Economia,  Giovanni Tria. La decisione del governo italiano di pianificare “un’espansione fiscale vicina al 1% di Pil” e “una deviazione dagli obiettivi pari all’1,5%” non hanno riscontro, si legge nella lettera. Viene evidenziato, inoltre un “non rispetto particolarmente serio con gli obblighi del Patto” e chiede al Governo di dare una risposta ai rilievi entro lunedì 22 ottobre a mezzogiorno per rispondere. Qui il testo completo della lettera.

Continua...

ccc Dal mondo

Europa, non è scontata la vittoria dei sovranisti secondo Eurobarometro

Per Eurobarometro nella maggior parte degli Stati membri la popolazione è soddisfatta di Ue e moneta unica. In Italia la percentuale più bassa di chi considera positivamente l’adesione del proprio paese all’Unione europea

Sovranisti e populisti travolgeranno l’Europa a maggio? Prenderanno la guida delle istituzioni europee per cambiare da dentro la struttura dell’Unione? Le cose non sembrano così facili almeno a giudicare dai sondaggi.

FORZE ANTIEUROPEISTE ANCORA LONTANE DALLA STANZA DEI BOTTONI?

Se secondo un recente sondaggio della Reuters, alle prossime elezioni le forze antieuropeiste, cioè Lega, M5s e i loro alleati continentali non riusciranno a superare quota 17 per cento dei seggi, il sondaggio di Eurobarometro evidenzia una crescita dell’apprezzamento per l’Unione europea nella maggior parte degli Stati membri con il 65% degli italiani che si dichiara favorevole all’euro, anche se gli intervistati sono i meno entusiasti dell’appartenenza all’Ue rispetto al passato.

IL SONDAGGIO EUROBAROMETRO

Secondo i dati dell’ultimo sondaggio Eurobarometro il 68% degli europei ritiene che il proprio paese ha tratto beneficio dall’appartenenza all’Ue. Inoltre, il 62% degli intervistati considera positivamente l’adesione del proprio paese all’Unione europea (62%). Queste percentuali sono le più alte registrate negli ultimi 25 anni. Fanno eccezione solo pochi Paesi, tra cui l’Italia. Il 43% degli italiani intervistati, difatti, pensa che l’Italia abbia tratto beneficio dall’essere membro Ue, il dato più basso di tutti i paesi europei. Questo dato è comunque in crescita di 4 punti percentuali rispetto a settembre 2017, e mostra un trend positivo negli ultimi anni. La grande maggioranza degli italiani (65%) dichiara, inoltre, di essere favorevole all’euro, con una crescita di quattro punti rispetto a marzo 2018 e con una percentuale superiore alla media Ue (61%).

TAJANI: IN ALCUNI STATI MEMBRI, TRA CUI L’ITALIA, LA PERCENTUALE DI CHI PENSA CHE L’APPARTENENZA ALL’UE SIA POSITIVA È ANCORA TROPPO BASSA

“In quasi tutta Europa cresce l’apprezzamento per l’appartenenza all’Unione e per i benefici che ne derivano, con livelli record dal 1983. Anche la moneta unica piace alla grande maggioranza dei cittadini. In Italia il gradimento per l’Euro supera la media europea – 65% contro il 61% -, ed è cresciuto del 4% rispetto a marzo 2018 – ha commentato il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani -. Ma non possiamo certo cullarci sugli allori. In alcuni Stati membri, tra cui l’Italia, la percentuale di chi pensa che l’appartenenza all’Ue sia positiva è ancora troppo bassa. Dobbiamo raddoppiare gli sforzi per dimostrare che l’Unione sa dare risposte davvero efficaci ai principali problemi degli europei, come immigrazione, sicurezza e disoccupazione”.

BREXIT: IN CASO DI NUOVO REFERENDUM 66% VOTEREBBE PER RESTARE

Quasi tutti i dati che misurano il sostegno per l’Ue mostrano una significativa ripresa dopo il referendum nel Regno Unito nel 2016, con una percentuale crescente di europei che si dimostra preoccupata per gli effetti della Brexit. In caso di referendum nel proprio Paese, il 66% degli intervistati voterebbe per restare nell’Ue, e solo il 17% per l’uscita. In crescita anche gli europei che si dicono soddisfatti del funzionamento democratico dell’Ue (49%, +3% rispetto ad aprile), mentre il 48% ritiene che la propria voce sia importante nell’Unione Europea.

IL 48% DEGLI INTERVISTATI VORREBBE CHE L’UE SVOLGESSE UN RUOLO PIÙ SIGNIFICATIVO IN FUTURO

Per quanto riguarda l’immagine del Parlamento, un terzo (32%) ha un’opinione positiva, un quinto (21%) esprime un parere negativo e una maggioranza relativa (43%) rimane neutrale. Il 48% degli intervistati vorrebbe che l’Ue svolgesse un ruolo più significativo in futuro, mentre il 27% preferirebbe fosse ridimensionato. Cresce la consapevolezza delle elezioni europee del prossimo anno, con il 41% che identifica correttamente la data nel Maggio 2019 – un aumento di nove punti percentuale rispetto ad un’indagine analoga di sei mesi fa, e il 51% degli intervistati si dichiara interessato alla tornata elettorale europea. Tuttavia, il 44% ancora non sa dire quando si voterà.

IMMIGRAZIONE AL PRIMO POSTO NELL’AGENDA DEI TEMI PRIORITARI

L’immigrazione è al primo posto nell’agenda dei temi prioritari per l’imminente campagna elettorale (50%), seguita dall’economia (47%) e dalla disoccupazione giovanile (47%), mentre la lotta al terrorismo scende al quarto posto con il 44%. Priorità simili anche per i cittadini italiani, anche se l’immigrazione è percepita come tema chiave da ben il 71% degli intervistati. Seguono l’economia con il 62% e la disoccupazione giovanile al 59%.

Continua...

ccc Italia

Al via iter della proposta Meloni per togliere dalla Costituzione i vincoli Ue

Quattro articoli in tutto per “far recuperare allo Stato la sua sovranità in talune circostanze, evitando che le decisioni siano poi assunte da altri soggetti, magari nemmeno non eletti dal popolo”

È cominciato lo scorso 11 ottobre l’iter in commissione Affari Costituzionali della Camera della proposta di legge costituzionale targata Giorgia Meloni (FdI) sulla modifica dei rapporti tra ordinamento italiano e ordinamento europeo sugli articoli 97, 117 e 119 della Costituzione, in particolare cioè sull’osservanza ai vincoli economici e finanziari derivanti dall’ordinamento unionale. (qui il testo della proposta).

COSA DICE LA PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE

Come ha chiarito il relatore Emanuele Prisco (FdI) durante la prima seduta, “la proposta di legge costituzionale si compone di quattro articoli, i primi tre volti ad apportare modifiche agli articoli 97, 117 e 119 della Costituzione, mentre il quarto contiene una disposizione transitoria”. L’obiettivo della proposta di legge costituzionale è quello di rimuovere dagli articoli della Costituzione i riferimenti all’ordinamento internazionale e dell’Unione europea dalla Costituzione. In sintesi: le pubbliche amministrazioni sarebbero tenute ad assicurare l’equilibrio dei bilanci e la sostenibilità del debito pubblico non più in coerenza con l’ordinamento dell’Unione europea (articolo 97 della Costituzione); la potestà legislativa sarebbe esercitata dallo Stato e dalle regioni senza avere come vincoli espliciti quelli derivanti dall’ordinamento internazionale e dell’Unione europea (articolo 117 della Costituzione); l’autonomia finanziaria di entrata e di spesa, subordinata alla necessità di garantire l’equilibrio dei rispettivi bilanci, per i comuni, le province, le città metropolitane e le regioni sarebbe mantenuta senza che tali enti debbano concorrere ad assicurare l’osservanza dei vincoli economici finanziari derivanti dall’ordinamento dell’Unione europea (articolo 119 della Costituzione).

L’OBIETTIVO? FAR RECUPERARE ALLO STATO LA SUA SOVRANITA’

In tale quadro, Prisco ha osservato, durante l’esposizione in commissione, che “i princìpi di equilibrio tra entrate e spese del bilancio dello Stato e di garanzia della sostenibilità del debito a carico di tutte le pubbliche amministrazioni”, “non vengono mutati” limitandosi la norma infatti “ad escludere che il rispetto di tali princìpi debba essere effettuato nel rispetto dei vincoli economico-finanziari derivanti dall’Unione europea”. Restando in vigore “i vincoli derivanti dagli obblighi assunti in sede internazionale e di Unione europea”. Prisco, infine, ha sottolineato come la proposta “nasca dalla necessità di tutelare l’interesse nazionale laddove esso venga messo in discussione da una norma europea, disciplinando una specifica clausola di salvaguardia. Si tratta, a suo avviso, di far recuperare allo Stato la sua sovranità in talune circostanze, evitando che le decisioni siano poi assunte da altri soggetti, magari nemmeno non eletti dal popolo”.

GLI ESEMPI? L’AQUILA E IL DEF

Nel richiamare alcune sentenze della Corte costituzionale, che hanno già posto il tema dei “controlimiti” opponibili dall’ordinamento nazionale nei confronti di quello internazionale, il deputato di Fratelli d’Italia ha evidenziato “l’opportunità di una simile clausola di salvaguardia, laddove un’applicazione della norma europea impedisca di realizzare interventi importanti a favore delle popolazioni, soprattutto nelle occasioni in cui essi appaiono essenziali, come nel caso delle calamità naturali”. Per esempio è il caso della restituzione delle somme che erano state riconosciute a titolo di agevolazione alle vittime del terremoto dell’Aquila, richiesta sulla base di un’applicazione rigida delle norme europee. Secondo Prisco tale clausola di salvaguardia “va applicata ogniqualvolta entri in gioco la tutela dell’interesse nazionale, anche in campo economico, laddove si tratti, ad esempio, di tutelare i prodotti italiani, come nel settore agroalimentare”. Il parlamentare ha anche richiamato la recente presentazione della Nota di aggiornamento del DEF 2018, che dimostra, a suo avviso, “come i limiti imposti dall’ordinamento europeo possano costituire un ostacolo alla realizzazione di politiche a favore dei cittadini”. Per questo ha anche preannunciato la presentazione di emendamenti al testo della proposta di legge, “al fine di introdurre, ad esempio, la possibilità di sottoporre a referendum le decisioni relative alle cessioni di sovranità dello Stato o di modificare le norme relative al pareggio di bilancio, al fine di tutelare, in certe circostanze, la sovranità dello Stato e la libertà dei Governi di perseguire certe politiche economiche” affinché s”i interrompa un processo che – analogamente a quanto avvenuto in passato tra le regioni e lo Stato centrale – rischia di ridurre lo Stato italiano a un ente di secondo livello rispetto all’Unione europea”.

PD E LEU CONTRARI

Nettamente contrario il Pd (a cui si è associata anche LeU) che durante la prima seduta per bocca di Stefano Ceccanti ha espresso “il proprio radicale dissenso sul merito del provvedimento” pur riconosce ai presentatori della proposta di legge “di perseguire con chiarezza le proprie finalità, attraverso una presa di posizione sovranista espressa in termini espliciti, a differenza di quanto sta facendo il Governo in carica, con la Nota di aggiornamento al DEF 2018, con la quale ritiene che l’Esecutivo stia surrettiziamente tentando di aggirare le norme europee, in violazione dell’articolo 81 della Costituzione”.

Continua...

ccc Dal mondo

Come i Palazzi europei si dividono sulla web tax

Sulla web tax la confusione regna sovrana anche nell’Unione europea. L’ultima novità? Il Consiglio europeo contro la Commissione di Bruxelles.

Strano ma vero: l’ufficio legale del Consiglio l’8 ottobre ha fatto le bucce all’impostazione dettata dal governo europeo sulla digital tax.

Eppure – si nota in ambienti governativi che seguono il dossier – se non si escogita una tassazione europea del mondo digitale, i singoli Stati membri dell’Unione difficilmente resisteranno alla tentazione di far da sé, magari per punire o agevolare i grandi gruppi.

Certo, la concorrenza fiscale può essere utile anche in questo settore, ma su queste materie meglio andare in ordine sparso o con regole comuni?

Ma vediamo che cosa è successo.

COS’È LA DIGITAL TAX

La Commissione di Bruxelles ha proposto l’introduzione di una digital tax, una tassa che vada a colpire i profitti dei colossi del web. In sostanza, si tratta di imporre a Google, Amazon, Apple (ma anche a qualunque azienda che operi online) un balzello sui profitti, nello Stato in cui essi vengono generati. Attualmente non è così, e i colossi dell’IT pagano le tasse soltanto nei Paesi in cui hanno la sede legale. Per esempio, nel caso di Google e Apple, in Irlanda (che pur di accaparrarsi la sede europea di Mountain View ha adottato un regime fiscale decisamente favorevole ai giganti della Silicon Valley).

IL CAOS LEGISLATIVO EUROPEO

Attualmente in Europa regna il caos: ciascuno Stato regolamenta il regime fiscale delle imprese digitali per conto proprio. Dieci hanno già legiferato, altri si apprestano a farlo e Bruxelles pare decisa a introdurre una regola comune per tutti i Ventisette, per non compromettere la concorrenza e per evitare distorsioni, come ad esempio quella irlandese. L’introduzione di una digital tax rischia di scontentare i big del web. L’esecutivo europeo ha proposto un misura per cui le imprese digitali paghino il 3% delle entrate agli Stati in cui si generano gli utili. La palla è passata quindi al Consiglio dell’Unione Europea, e qui la questione pare essersi arenata su una questione giuridica.

IL PARERE DELL’UFFICIO LEGALE DEL CONSIGLIO

L’ufficio legale del Consiglio negli scorsi giorni ha espresso un parere sulle basi giuridiche della proposta della Commissione e sulla legittimità del provvedimento stesso. Il Consiglio (costituito dai rappresentanti dei governi degli Stati membri) non ha sollevato obiezioni rispetto agli intenti della misura, riconoscendo che essa introdurrebbe “un sistema armonizzato” e rimpiazzerebbe “misure divergenti assunte unilateralmente dai singoli stati” che potrebbero compromettere il regime di concorrenza. Tuttavia, il Consiglio non concorda con le Commissione sugli strumenti messi in atto per introdurre la digital tax.

I principali nodi da sciogliere sono due: la configurazione come “imposta indiretta” della digital tax e potenziali contrasti con i trattati internazionali in merito alla doppia tassazione. Ovvero il fatto che le aziende vedrebbero i propri utili tassati due volte: nel paese dove si generano i profitti e nei paesi in cui le compagnie hanno la sede. La Commissione considera la tassa digitale un’imposta indiretta e dunque ne ha inquadrato l’ordinamento sotto l’articolo 113 del Trattato dell’Unione Europea, quello che regola specificamente accise e tasse dirette o indirette.

(per gli approfondimenti tecnici, si può leggere l’articolo di Start Magazine)

Continua...

ccc Dal mondo

Riduzione plastica, tutti gli emendamenti dei grillini alla proposta di direttiva UE

Pedicini (M5S): Abbiamo migliorato la proposta della Commissione per la riduzione della plastica. Resta un po’ di amarezza per il mancato inserimento di target chiari e vincolanti per tutti gli Stati Membri

Addio alla plastica monouso come piatti, posate, bicchieri e cotton fioc dal 2021. La Commissione Ue ha deciso di bandire i prodotti considerati altamente inquinanti. Per questo la commissione Ambiente del Parlamento europeo ha esaminato e modificato la direttiva di Bruxelles (qui il testo delle proposta) per il cui via libera definitivo occorrerà aspettare però l’Assemblea plenaria del 22-25 ottobre in programma a Strasburgo. (qui l’allegato alla direttiva)

OLTRE L’80% DEI RIFIUTI MARINI È COSTITUITO DA PLASTICA

Secondo la Commissione europea, oltre l’80% dei rifiuti marini è costituito da plastica. Insieme costituiscono il 70% di tutti i rifiuti marini. A causa della sua lenta decomposizione, la plastica si accumula nei mari, negli oceani e sulle spiagge dell’Ue e del mondo. I residui di plastica si trovano in specie marine – come tartarughe marine, foche, balene e uccelli -, ma anche in pesci e crostacei, e quindi nella catena alimentare umana.

PROIBIRE, RIDURRE, TASSARE, MA ANCHE SOSTITUIRE, AVVERTIRE; GLI STATI MEMBRI HANNO MOLTE OPZIONI DA SCEGLIERE

Nella relazione redatta da Frédérique Ries (ALDE, BE), adottata con 51 voti favorevoli, 10 contrari e 3 astensioni, i deputati europei hanno aggiunto all’elenco dei prodotti monouso anche sacchetti di plastica leggeri, prodotti in plastica ossidodegradabile e contenitori per fast-food in polistirene espanso. “L’Europa è responsabile solo di una piccola parte della plastica che inquina i nostri oceani – ha detto il relatore -. Essa può e deve tuttavia svolgere un ruolo chiave nella ricerca di una soluzione, diventando leader a livello globale come ha fatto in passato nella lotta contro il cambiamento climatico. Proibire, ridurre, tassare, ma anche sostituire e avvertire; gli Stati membri hanno molte opzioni tra cui scegliere. Sta a loro decidere con saggezza e a noi continuare a spingere per ottenere di più”.

OBIETTIVI NAZIONALI DI RIDUZIONE

Plastiche monouso a parte, il consumo degli altri imballaggi, per i quali non esistono alternative, dovrà essere comunque ridotto dagli Stati membri in modo “ambizioso e sostenuto” entro il 2025. Ciò comprende scatole per hamburger monouso, scatole per panini o contenitori per alimenti per frutta, verdura, dessert o gelati. Gli Stati membri elaboreranno piani nazionali per incoraggiare l’uso di prodotti adatti ad un uso multiplo, nonché il riutilizzo e il riciclaggio. Altre materie plastiche, come le bottiglie per bevande, dovranno essere raccolte separatamente e riciclate al 90% entro il 2025.

MOZZICONI DI SIGARETTE E ATTREZZI DA PESCA

Gli eurodeputati hanno deciso inoltre, che le misure di riduzione dovrebbero riguardare anche i rifiuti dei prodotti del tabacco, in particolare i filtri per sigarette contenenti plastica. La proposta prevede una riduzione del 50 per cento entro il 2025 e dell’80 per cento entro il 2030. Un mozzicone di sigaretta può inquinare tra i 500 e i 1000 litri d’acqua, e gettato sulla strada può richiedere fino a dodici anni per disintegrarsi. Gli Stati membri dovrebbero poi garantire che almeno il 50% degli attrezzi da pesca persi o abbandonati contenenti plastica venga raccolto ogni anno, con un obiettivo di riciclaggio di almeno il 15% entro il 2025. Questi prodotti rappresentano addirittura il 27% dei rifiuti che si trovano sulle spiagge europee.

RESPONSABILITÀ ESTESA DEL PRODUTTORE

Gli Stati membri dovrebbero garantire che i produttori di tabacco si facciano carico dei costi di raccolta dei rifiuti per tali prodotti, compresi il trasporto, il trattamento e la raccolta. Lo stesso vale per i produttori di attrezzi da pesca contenenti plastica, che dovranno contribuire al raggiungimento dell’obiettivo di riciclaggio.

LE PROPOSTE DEL M5S

Tra le proposte di modifica accolte – anche se non integralmente – quelle presentate dal M5s europeo e in particolare da Piernicola Pedicini. I pentastellati proponevano una riduzione “significativa” del consumo di prodotti di plastica usa-e-getta (come proposto dalla Commissione europea), ma con obiettivi di riduzione concreti, del – 50% entro il 2025 e dell’80% entro il 2030 per i contenitori per alimenti e le tazze per bevande; e del – 30% entro il 2025 e 50% entro il 2030 per le bottiglie per bevande. Inoltre proponevano come misure da adottare da parte degli Stati membri una Iva modulata sulla riutilizzabilità e riciclabilità del prodotto; incentivi all’installazione di distributori gratuiti di acqua nei luoghi pubblici; incentivi all’installazione di filtri per l’acqua nelle abitazioni; obbligo di utilizzo di stoviglie riutilizzabili in bar e ristoranti. Ma anche di assicurare che i produttori indichino sull’etichetta, a caratteri grandi, chiaramente leggili e indelebili, la disponibilità di alternative riutilizzabili e la presenza di agenti chimici preoccupanti; che i contenitori per bevande contegano almeno il 25% di contenuto minimo riciclato entro il 2025 e il 50% entro il 2030. Infine, il divieto di utilizzo delle buste di plastica ultraleggere, che hanno un elevato rischio di dispersione nell’ambiente, ad eccezione di casi in cui sia necessario per ragioni igieniche.

PEDICINI (M5S): AMAREZZA PER IL MANCATO INSERIMENTO DI TARGET CHIARI E VINCOLANTI PER TUTTI GLI STATI MEMBRI

Grazie ai nostri emendamenti abbiamo migliorato la proposta di direttiva della Commissione europea sulla riduzione di alcuni tipi di plastica. Abbiamo respinto l’assalto di Forza Italia che voleva azzerare tutto, resta un po’ di amarezza per il mancato inserimento di target chiari e vincolanti per tutti gli Stati Membri – ha dichiarato in una nota l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Piernicola Pedicini –. Questo voto è un primo, timido, passo avanti perché interviene contro l’inquinamento dei prodotti in plastica monouso come i mozziconi delle sigarette che impiegano tra i 10 e i 12 anni per decomporsi. Fra gli obiettivi approvati c’è anche la riduzione per i filtri in plastica dei prodotti del tabacco del 50% entro il 2025 e 80% entro il 2030. Inoltre, entro il 2025 le bottiglie per bevande in plastica devono contenere almeno il 35% di materiale riciclato ed essere riciclabili – ha aggiunto il pentastellato -. Siamo soddisfatti per l’approvazione del nostro emendamento che vieta l’utilizzo di contenitori per cibi e bevande composti da polistirolo espanso, molto usati nei fast food. Gli altri gruppi politici hanno provato ostinatamente a salvare gli interessi dell’industria, noi crediamo che la salute e la tutela ambientale vengano prima di ogni altra cosa”, ha concluso Pedicini.

Continua...

ccc Dal mondo

Giro di vite Ue sulla confisca dei beni alla criminalità organizzata

Secondo uno studio di Europol del 2016, attualmente nell’Ue viene confiscato solo l’1,1% dei profitti criminali a fronte di un 98,9% dei proventi di reato non viene confiscato e rimane pertanto in mano ai criminali.

Termini più rigorosi per il congelamento e la confisca transfrontaliera dei beni alla Criminalità organizzata e priorità all’indennizzo delle vittime. Sono queste alcune delle novità adottate dall’Europarlamento per accelerare le procedure nell’ambito di alcuni reati, in tutta l’Unione europea. Le nuove norme, già concordate in via informale tra il Parlamento e i ministri dell’Ue in giugno, renderanno più rapido e semplice per gli Stati membri il congelamento e la confisca transfrontalieri dei proventi di reato.

ECCO QUALI SONO LE NUOVE MISURE

Le nuove misure prevedono innanzitutto l’introduzione di scadenze: un Paese Ue che riceve un ordine di confisca da un altro Paese Ue disporrà di 45 giorni di tempo per eseguire l’ordine; i provvedimenti di congelamento transfrontalieri devono essere eseguiti con la stessa rapidità e priorità di quelli nazionali. Le autorità, infine, avranno quattro giorni di tempo per congelare i beni se la richiesta di confisca è urgente. Altra novità è rappresentata dai documenti standardizzati: saranno utilizzati certificati e moduli standard per garantire che i Paesi Ue agiscano più rapidamente e comunichino in modo più efficiente. Inoltre è previsto un ambito di applicazione più ampio: ove richiesto, i Paesi europei potranno confiscare beni ad altre persone legate all’organizzazione criminale in questione e potranno anche agire nei casi in cui non vi sia una condanna (ad esempio, se l’indagato è fuggito). Infine, sono previsti nuovi diritti per le vittime: saranno le prime, infatti, a ricevere un risarcimento quando i beni confiscati saranno distribuiti.

LA RELATRICE: IL PROVVEDIMENTO RAFFORZA LA GIUSTIZIA EUROPEA

“Questo strumento di riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e confisca rafforza la giustizia europea – ha detto la relatrice Nathalien Griesbeck (ALDE, FR) -. È più equo per le vittime e consolida la nostra lotta contro il finanziamento del terrorismo. Il Parlamento vigilerà attentamente per garantire che le nuove norme siano attuate rapidamente ed efficacemente”.

EUROPOL: NELL’UE VIENE CONFISCATO SOLO L’1,1% DEI PROFITTI CRIMINALI CIRCA 1,2 MILIARDI DI EURO

Privare i criminali dei loro beni è, infatti, uno strumento importante per combattere la criminalità organizzata e il terrorismo. Tuttavia, secondo uno studio di Europol (qui lo studio) del 2016, attualmente nell’Ue viene confiscato solo l’1,1% dei profitti criminali a fronte di un 98,9% dei proventi di reato non viene confiscato e rimane pertanto in mano ai criminali. L’analisi riporta alcuni dati dell’Unodc (United Nations Office on Drugs and Crime) secondo cui i proventi illeciti a livello globale rappresentano il 3,6% del pil mondiale del 2009 circa 1,9 trilioni di euro e solo lo 0,2% viene effettivamente sequestrato o confiscato. Sulla base delle stime di Project OCP, i mercati illeciti generano circa 109.900 milioni di euro a livello di Ue, pari allo 0,9% del Pil dell’Ue del 2010. Sempre secondo lo studio Europol, il valore dei beni provvisoriamente sequestrati/congelati nell’Ue è pari a circa 2,4 miliardi di euro di cui circa 1,2 miliardi risultano confiscati.

Continua...

ccc Dal mondo

Netflix, Amazon, Youtube e gli altri big devono comprare più made in Europe. Parola dell’Europarlamento

Con la direttiva sugli audiovisivi approvata ieri dal Parlamento europeo, l’Ue imporrà nuove regole alle emittenti e alle piattaforme digitali, più tutele per i minori e una quota del 30% di contenuti europei nelle piattaforme di video-on-demand. Ecco gli effetti per Amazon Prime, Netflix, Youtube e non solo

Più made in Europe per Netlifx&co. Le emittenti televisive e le piattaforme di video-on-demand dovranno garantire che almeno il 30% dei loro cataloghi sia costituito da contenuti di produzione europea. Lo ha stabilito il Parlamento europeo, che ieri ha votato a favore della nuova normativa sui servizi media e audiovisivi.

UNA QUOTA UE DEL 30%

Con la nuova legislazione, le piattaforme di video-on-demand come Netflix, Amazon Prime Video e YouTube saranno obbligate a offrire nel proprio catalogo una quota minima del 30% di contenuti europei. L’obiettivo è sostenere la diversità culturale del sistema audiovisivo europeo. Inoltre, i Paesi membri potranno richiedere a queste piattaforme di contribuire economicamente allo sviluppo di produzioni audiovisive “made in Ue”, investendo direttamente nel contenuto o contribuendo ai fondi nazionali. Questi contributi dovranno essere proporzionali al reddito raccolto nel Paese in cui è richiesta la commissione.

VIDEO-PROTEZIONISMO

Le piattaforme di video-streaming più famose come Netflix e Amazon offrono già in catalogo una grande quantità di contenuti europei, ma dovranno potenziarla per soddisfare le nuove regole e rientrare nella quota del 30% obbligatoria. Inoltre, ai contenuti locali dovranno essere garantiti visibilità e buon posizionamento sulle piattaforme sempre in ottemperanza alla nuova normativa.

CHE FA GIOCO AD AMAZON, NETFLIX &CO

Come sottolinea Bloomberg, il contenuto locale è strategico per le piattaforme di video-on-demand che stanno cercando di espandersi a livello internazionale. Già da tempo Netflix ha investito in produzioni locali: in Francia con Marsiglia, un dramma politico con Gérard Depardieu, in Italia con la serie crime Suburra e in Spagna con la serie di successo La Casa di carta. Se la rivale Amazon Prime Video aveva una serie soltanto di produzione europea nel 2014, presto inserirà in catalogo almeno una dozzina di serie originali made in Europe.

PIÙ TUTELE PER I PIÙ PICCOLI

Con la nuova direttiva, i legislatori europei hanno pensato anche ai minori. Saranno infatti vietate alcune pubblicità nei programmi per bambini ed è prevista una maggiore tutela dei loro dati personali.  YouTube e Facebook per esempio, dovranno adottare misure contro i contenuti che incitano “alla violenza, all’odio e al terrorismo”.

Se la legislazione non include alcun filtro automatico dei contenuti caricati, le piattaforme digitali dovranno però creare un meccanismo trasparente e facile da usare per consentire agli utenti di segnalare o contrassegnare i contenuti ritenuti illeciti.

Inoltre, in caso di segnalazioni di contenuti pericolosi, sia le piattaforme digitali sia le emittenti tradizionali saranno obbligate a reagire immediatamente.

SPAZIO ALLA PUBBLICITÀ

Réclame limitata con le nuove regole: gli spazi pubblicitari saranno limitati al 20% del tempo di trasmissione giornaliera nella fascia oraria 6-18. Anche una seconda fascia oraria, quella del “prime time” tra le 18 e le 24, potrà contenere al massimo un 20% di pubblicità.

E ADESSO?

La normativa approvata ieri deve ricevere l’approvazione formale anche dal Consiglio dei ministri dell’Ue prima che possa entrare in vigore. Gli Stati membri avranno poi 21 mesi di tempo dopo la sua entrata in vigore per recepire le nuove regole.

Continua...

ccc Dal mondo

Iva. L’Europa vuole regola nuova, l’Italia combatte con l’evasione

L’Europarlamento ha proposto alcuni adeguamenti come la fissazione di un’aliquota massima al 25%. L’Italia al top per mancata imposta riscossa

Aliquota massima al 25% in Europa, introduzione di un meccanismo di risoluzione delle controversie, un sistema di notifica automatica delle modifiche alle norme Iva fra i diversi Stati membri e un portale informativo, attraverso il quale ottenere rapidamente informazioni accurate sulle aliquote in tutta l’Ue. Sono queste le principali novità della riforma targata Commissione Ue e sostenuta dal Parlamento europeo che ha approvato le proposte e segnalato alcuni adeguamenti.

SISTEMA PIÙ CHIARO PER LE ALIQUOTE IVA E GIRO DI VITE SULLE FRODI

Le novità sono costituite da due provvedimenti: il primo stabilisce un sistema più chiaro di aliquote Iva mentre il secondo mira a facilitare gli scambi, soprattutto per le PMI, nel mercato unico e a ridurre le frodi sull’Iva. In sostanza l’imposta sarà applicata agli scambi transfrontalieri tra le imprese visto che l’attuale esenzione per questi scambi costituisce una facile scappatoia che consente ad imprese senza scrupoli di riscuotere l’Iva e poi scomparire senza versarla allo Stato. Con lo sportello unico sarà, invece, più semplice per le imprese che operano a livello transfrontaliero adempiere agli obblighi in materia di Iva. Gli operatori saranno in grado di effettuare dichiarazioni e versamenti utilizzando un unico portale online nella loro lingua, seguendo le stesse norme e utilizzando gli stessi modelli amministrativi del paese di origine. Gli Stati membri verseranno direttamente l’Iva gli uni agli altri, come già avviene per la vendita di servizi elettronici. Si passerà inoltre al principio della “destinazione”, secondo il quale l’importo finale dell’Iva è sempre versato allo Stato membro del consumatore finale ed è determinato in base all’aliquota vigente in tale Stato membro. Infine saranno semplificatele norme in materia di fatturazione per consentire ai venditori di redigere le fatture in base alle norme del proprio paese anche quando operano a livello transfrontaliero. Le imprese non saranno più tenute a preparare un elenco di operazioni transfrontaliere per la loro autorità fiscale. E si introduce il concetto di “soggetto passivo certificato”, ossia una categoria di imprese fidate che beneficerà di norme molto più semplici ed efficaci in termini di risparmio di tempo. L’intero pacchetto con le proposte di miglioramento saranno ora trasmesse al Consiglio, che avrà il compito di adottare la legislazione, poiché il Parlamento è solo consultato in materia di fiscalità.

IN UE SCAPPATOIE E BUCHI PORTANO PERDITE GETTITO IVA

Durante il dibattito che ha preceduto la votazione, il relatore Jeppe Kofod (S&D, DK) ha sottolineato che “attualmente in Europa esiste un mosaico di sistemi Iva pieni di scappatoie e buchi. Ciò ha portato a una crescente perdita di entrate di imposta (divario Iva, vale a dire la differenza tra il gettito Iva previsto e l’Iva effettivamente riscossa, stimando le perdite di gettito dovute a frodi fiscali, evasione ed elusione fiscale, ma anche a fallimenti, insolvenze finanziarie o errori di calcolo). Con le riforme in discussione possiamo ridurre il divario dell’Iva di 41 miliardi di euro all’anno e ridurre i costi amministrativi per le imprese di 1 miliardo di euro all’anno”. L’altro relatore, Tibor Szanyi (S&D, HU), ha affermato che “completare la riforma del sistema Iva è fondamentale per sostenere le imprese dell’Ue. Il sistema attuale, semplicemente, non è adatto al mondo globalizzato di oggi. Le riforme riducono la discriminazione tra gli Stati membri pur mantenendo la flessibilità e sostengono le PMI e la dimensione sociale e ambientale”.

SI STIMA PERDITA DI 50 MLD DI GETTITO SOLO PER LE FRODI TRANSFRONTALIERE

Secondo uno studio europeo (Study and Reports on the VAT gap in the EU-28 Member States: 2018 Final Report), ogni anno i Paesi europei perdono fino a 50 miliardi di euro solo a causa di frodi transfrontaliere in materia di imposta sul valore aggiunto, risorse che dovrebbero essere utilizzate per investimenti pubblici in ospedali, scuole e strade. Sulla base delle cifre disponibili, l’importo totale dell’Imposta di valore aggiunto persa nell’Unione europea è stimata in 147,1 miliardi di euro nel 2016, che rappresenta una perdita del 12,3% del gettito totale previsto. Nel corso del 2016, il carico fiscale complessivo dell’Iva per gli Stati membri dell’Ue è rimasto pressoché invariato, mentre le entrate riscosse sono aumentate dell’1,1%. Di conseguenza, il divario complessivo dell’Imposta sul valore aggiunto negli Stati membri dell’Ue ha registrato una diminuzione in valore assoluto di circa 10,5 miliardi di euro, scendendo appunto alla cifra di 147,1 miliardi di euro. In percentuale, il divario complessivo in materia di IVA è diminuito dello 0,9%. I divari Iva stimati dagli Stati membri variavano dallo 0,85% in Lussemburgo, al 35,88% in Romania. Nel complesso, il divario Iva è diminuito nella maggior parte degli Stati membri, con i miglioramenti più importanti in Bulgaria, Lettonia, Cipro e Paesi Bassi, mentre è aumentato in sei Stati membri (Romania, Finlandia, Regno Unito, Irlanda, Estonia e Francia). Per quanto riguarda l’Italia, secondo le correzioni delle stime relative allo stock di crediti Iva, il divario nel 2016 era di circa 1 miliardo di euro, il 27% circa. In termini nominali, il divario italiano è il più grande tra tutti i paesi dell’Ue.

NEL 2015 RACCOLTI 1000 MILIARDI DI EURO IN TUTTA LA UE

Il sistema comune d’imposta sul valore aggiunto svolge un ruolo importante nel mercato unico europeo. La prima direttiva in materia di Iva risale al 1967 e fu originariamente introdotta per eliminare le imposte sulla cifra d’affari che falsavano la concorrenza e ostacolavano la libera circolazione dei beni, e per rimuovere le formalità’ e i controlli fiscali alle frontiere interne. L’Iva è una fonte di entrate importante e in crescita nell’Unione, che ha raccolto più di mille miliardi di euro nel 2015, pari al 7% del pil della Ue. Anche una delle risorse proprie dell’Unione si basa sull’Iva e, ricorda la Commissione, “trattandosi di un’imposta sui consumi, è una delle forme di tassazione che favorisce maggiormente la crescita”.

Continua...

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore